Pista ciclabile: testardi e presuntuosi

partito democratico_simbolo_640_x_300

Proprio così! Testardi e presuntuosi si sono dimostrati gli Amministratori conversanesi, Sindaco in testa, nella vicenda della pista ciclabile.

Il PD lo aveva denunciato in occasione della raccolta di centinaia di firme contro il percorso deciso dall’Amministrazione comunale e lo aveva ripetuto al momento della successiva trasmissione al Sindaco e all’Assessore competente delle firme acquisite.

Da allora sono passati mesi: ma loro niente: sordi e ciechi.

La Giunta Lovascio è andata avanti sul suo progetto di pista ciclabile con la presunzione di chi crede di essere in sintonia con la città –ma non lo è- e con la testardaggine di chi è incapace di un confronto vero e leale con i cittadini.

A nulla sono valse le proteste dei cittadini, la palese insoddisfazione degli abitanti e dei commercianti delle zone interessate.

A nulla è valsa la raccolta di centinaia di firme da parte del PD.

Per di più, con una totale assenza di sensibilità ed anche di banale conoscenza delle regole del mercato, Lovascio e C. hanno pensato bene di dare inizio ai lavori oggi, 9 luglio da via Matteotti, con gli inevitabili, gravi disagi. Cioè proprio quando si avvia la stagione dei saldi ed i commercianti provano recuperare i danni di una stagione negativa, mentre i cittadini si apprestano a fare quegli acquisti che la crisi sinora aveva impedito.

IL PD DI CONVERSANO RINNOVA LA PROPRIA SOLIDARIETA’ A CITTADINI E COMMERCIANTI.

RIPROPONE IL PERCORSO ORIGINALE DELLA PISTA CICLABILE COME L’UNICO AL MOMENTO VERAMENTE UTILE E OPPORTUNO. CHIEDE CHE IL SINDACO E LA GIUNTA DECIDANO LA IMMEDIATA SOSPENSIONE DEI LAVORI PRENDENDO ATTO DEL TOTALE DISSENSO DEI CITTAADINI CONVERSANESI.

CONVOCA IL PROPRIO DIRETTIVO PER MERCOLEDI’ 11 LUGLIO ALLE ORE 19,30 PRESSO LA SEDE DEL PROPRIO CIRCOLO, VIA CADORNA, 15 ED INVITA UNA DELEGAZIONE DEI COMMERCIANTI IN LOTTA A PARTECIPARVI PER DECIDERE ASSIEME LE INIZIATIVE PIU’ OPPORTUNE A SOSTEGNO DELLA GIUSTA PROTESTA.

 

Conversano, 9 luglio 2012

IL SEGRETARIO
Saverio Ranieri