Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Pista ciclabile. L'assessore Gungolo spiega le varianti al progetto

gungolo 6

Dopo aver ascoltato le perplessità del consigliere D'Alessandro, promotore insieme ai partiti di opposizione di un ordine del giorno in cui si chiedeva la sperimentazione dell'intero percorso della pista ciclabile, abbiamo intervistato l'Assessore ai Lavori Pubblici, avv. Carlo Gungolo.

È stato detto che il progetto è in continua evoluzione e fatica ad approdare ad una versione definitiva.

"Il primo progetto esecutivo da noi elaborato − inserito nel 2010 all'interno del Piano triennale delle Opere Pubbliche − individuava come percorso definitivo della pista ciclabile l'anello del centro storico (via Matteotti, via Rosselli, via Dante, viale degli Eroi e via della Vittoria). Dopo la verifica del progetto da parte della Regione e la sottoscrizione del disciplinare, abbiamo sottoposto il percorso ad un'ulteriore analisi e ci siamo resi conto dell'impossibilità di realizzare il senso unico su via Dante e su viale degli Eroi, poiché su quelle strade converge il traffico dei mezzi pesanti che entrano da via Polignano, via Castellana e via Bari. Pertanto, si è proceduto ad apportare una variante solo relativamente a viale degli Eroi: come ho dichiarato più volte in consiglio comunale, il percorso finale prevedrà che da via Dante si salirà su via Bolognini e, attraversando corso Domenico Morea, ci si immetterà su via della Vittoria".


Questa variante è già stata approvata dalla giunta?

"Il disciplinare ci imponeva determinate scadenze, per questo abbiamo ritenuto di avviare le procedure di gara e rinviare l'approvazione della variante delle modifiche al progetto. In questi giorni il progettista e direttore dei lavori arch. Michele Sgobba ultimerà gli elaborati tecnici che saranno approvati dalla giunta. Nel frattempo si è dato inizio ai lavori a partire dalla zona che non subirà varianti se non quelle dell'offerta migliorativa".


Quali sono queste "varianti migliorative"?

"Abbiamo fatto una procedura di gara con l'offerta economicamente più vantaggiosa. La società che ha vinto si è impegnata a sostituire tutti gli alberi presenti su entrambi i lati di via Matteotti; a realizzare il cordolo della pista (che nel progetto iniziale era in cemento) mediante un'aiuola di circa 60 centimetri e a installare nuove caditoie per razionalizzare il flusso di raccolta delle acque bianche".


pista ciclabile progetto

Il marciapiede di via Matteotti verrà realmente ristretto di un metro?

"Viste queste migliorie (che hanno un valore di circa 100mila euro) con l'arch. Sgobba si è ritenuto opportuno realizzare la pista ciclabile alla stessa altezza del marciapiede e, per ottenere un maggiore spazio della carreggiata stradale, si è previsto un "accavallamento" della pista ciclabile con il marciapiede per circa 50-60 centimetri. Questi 60 centimetri non vengono realmente sottratti alla sede del marciapiede in quando erano già occupati dai vecchi alberi. Inoltre, tale riformulazione del progetto ci permette di mantenere una carreggiata di 4 metri per le macchine; una carreggiata di 2 metri per il parcheggio; la realizzazione di un'aiuola di circa 60 centimetri − che correrà lungo tutta la pista ciclabile con le dovute interruzione in prossimità degli attraversamenti − e altri 4 metri riservati a marciapiede e pista ciclabile".


Avete riscontrato problemi alla viabilità in seguito all'installazione del senso unico in via Matteotti?

"Nessun problema rilevante. È chiaro che quando vai a toccare abitudini consolidate c'è sempre un momento di sconcerto. Con il tempo ci si aspetta che sempre più gente decida di utilizzare la bicicletta lasciando la macchina a casa. Inoltre, la pista ciclabile va vista anche come un elemento che renderà sopratutto via Matteotti una zona più bella e maggiormente dedicata allo shopping e al passeggio".

Commenti 

 
#19 Sirioart 2012-08-31 11:13
Va bene che dovevano usare i fondi regionali altrimenti l'Amministrazione rischiava di non averne altri. Ma mi chiedo.... Invece di intasare ancora di più la nostra "Città D'Arte" non sarebbe stato più idoneo farla sulla Conversano-Cozze? Visto gli incidenti e la pericolosità di quella strada? Ricordo con molta nostalgia, anni fa orsono, quando il traffico automobilistico era ancora vivibile, andavo non solo in bicicletta con gli amici ma.... anche a piedi. 8 Km erano una vera passeggiata. Adesso è solo un rischio da pazzi farla.
la mia potrebbe essere una proposta per il prossimo futuro. Alleluia Alleluia se viene accolta. :)
Segnala all'amministratore
 
 
#18 canada 2012-08-26 04:51
Mi dispiace come sempre vedere che i poteri forti e il Dio denaro hanno il sopravvento sul buon senso.
Ma questa è un pista ciclabile pericolossissima propio perchè i ciclisti devono essere attenti alle macchine che attraversano la pista x uscire o entrare in via matteotti o dai propri garage.....
e i ragazzini saranno cosi' attenti
Segnala all'amministratore
 
 
#17 Alfredo Violante 2012-08-03 09:18
Sembra che, per ragioni al momento non chiarissime, ci sia un ulteriore cambio di percorso della pista: anzichè percorrere corso Dante, il nuovo tracciato si inoltrerebbe per via Arringo e Corso Adriatico. Se così fosse, ci troveremmo di fronte all'ennesima modifica in corso d'opera, che non è segnale di una raffinata capacità di raccordo con le esigenze dei cittadini (perchè a questo si arriva in modo chiaro e con procedure trasparenti), ma è invece testimonianza della confusione totale con la quale sta nascendo questa importante opera. Cosa ha da dire l'Amministrazione in proposito?
Segnala all'amministratore
 
 
#16 alessandra 2012-08-02 08:56
Sono stata positivamente contagiata dall'abitudine di lasciare, quando possibile, l'auto a casa ed utilizzare, anche con i miei bambini, le biciclette. La realizzazione della pista ciclabile, in tempi brevi, mi rende cittadina orgogliosa (così come il meraviglioso campo multi sport di via La Volpe). Il vero problema del traffico cittadino è la sosta vietata selvaggia, specie in via Divisione Aqui. L'ARROGANZA di chi lascia l'auto pensando che, solo per il fatto che la sosta sarà breve, può disinteressarsi delle regole e delle esigenze della comunità, non ha limiti. Spero che i Vigili compiano una DECISA operazione di persuasione sugli automobilisti, che, purtroppo da noi si può fare solo con MULTE MULTE MULTE, tante e frequenti. Noto spesso atteggiamenti "morbidi" ...e nn dico altro.....
Segnala all'amministratore
 
 
#15 Antonello 2012-07-29 15:48
finalmente un rientro, sono lieto che Pasquale Daniele ha ripreso a dire la sua si sentiva la mancanza di una persona equilibrata e saggia.
Segnala all'amministratore
 
 
#14 daniele pasquale 2012-07-28 20:52
Quando c'è troppa carne al fuoco, si rischia di bruciare anche tanto denaro ... pubblico.
La pista è importante per Conversano che vive un momento di entusiasmo per le passeggiate su due ruote. Ci sono stati bandi comunali per l'acquisto dei velocipedi e, mi sembra che ci siano state anche tantissime adesioni.
Non capisco solo tutta questa fretta ...
Di solito, è un bene parlare e cercare una mediazione tra i tanti interessi in campo. Via Matteotti è uno snodo troppo importante per la viabilità urbana e, dal punto commerciale, soffre una crisi molto grave ...
Credo che un altro percorso fosse da considerare e, son certo che, la prossima amministrazione rivedrà questa decisione.
D'altra parte, non so se è vero, senza la pista ciclabile, Conversano non avrebbe ricevuto i tanti finanziamenti che ha chiesto per risistemare l'assetto urbano.
Spero solo che, nel giudicare e forse pregiudicare il futuro e la crescita della città, si guardi a queste novità nell'ottica della ricerca del bene comune.
Di conseguenza, sospendiamo ogni giudizio e chiediamo all'amministrazione di essere più informati.
Un questionario distribuito a tutte le famiglie conversanesi, con informazioni e richieste di suggerimenti, ci darebbe l'impressione che la città ed il suo futuro appartiene a tutti i conversanesi.
Segnala all'amministratore
 
 
#13 core mio! 2012-07-26 15:17
x gianvito f.
un piano del traffico, si prepara "tutto" assieme e si comincia dall'inizio, non da dove ti pare.
puoi leggere tutto quello che vuoi, la 167 sta aspettando per essere inglobata, altro che letture, rileggiti tutto, quando hai tempo, e questa è l'ultima fase della distruzione,
Segnala all'amministratore
 
 
#12 Gianvito F. 2012-07-26 13:28
Io non vedo l'ora che qualcuno legga e s'informi: è previsto un anello intorno al centro storico, e poi saranno realizzate le diramazioni verso la periferia. Questa è la verità, le critiche destituite di fondamento sono la benzina che alimenta la distruzione di questo paese.
Segnala all'amministratore
 
 
#11 Michelone 2012-07-25 18:28
Non vedo l'ora di poter:
1)parcheggiare la mia auto nei pressi della villa dei caduti;
2)prendere la mia bici precedentemente caricata in auto;
3)cominciare la mia pedalata dal Bar Norba fino alla fontana di via Matteotti...e poi dalla fontana fino al bar Norba...e poi dal bar....;
3)ri-caricare entusiasta la mia bici in auto;
4)ritornare a casa felice della mia pedalata in città
Segnala all'amministratore
 
 
#10 perplesso 2012-07-24 16:43
In una "vera città all'avanguardia" si rispettano gli STOP e le precedenze...
Segnala all'amministratore
 
 
#9 F.Fanizzi 2012-07-24 15:01
L'arte all'arte e il lupo alle pecore... ci si improvvisa tecnici.. ma ce ne vuole
Segnala all'amministratore
 
 
#8 Annamaria 2012-07-24 14:59
E le interruzioni anche per i passi carrabili li avete considerati solo su via Matteotti ve ne sono 4. La possiamo battezzare pista ciclabile ad intermittenza.
Segnala all'amministratore
 
 
#7 Vito valentino 2012-07-23 17:40
Una pista che si interrompe ai vari incroci...non è una pista...i bambini non sanno e potrebbero filar dritto e finire sotto una stufa con le ruote che strerza per girare nel centro storico...finiscono PRESTISSIMO i lavori ma poi dopo un pò ci faremo le domande sulla sicurezza...e poi magari la si chiuderà ogni tanto un po la e un po qua..Bastava parlarne prima.?..Ma tranquilli. sono solo mie sensazioni.
Segnala all'amministratore
 
 
#6 Giuseppe L. 2012-07-23 16:18
Le varianti in corso d'opera sono indice di incapacità di programmazione. Ma prima lo stesso assessore non aveva detto che era stata effettuata una simulazione?
Segnala all'amministratore
 
 
#5 CATARSI 2012-07-23 16:16
Sono completissimamente d'accordo con Francesco, eliminate i parcheggi sul percorso ciclabile e diventa una vera città alla'avanguardia.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 vivagabriel 2012-07-22 16:52
una vera boiata, almeno modificate i sensi di marcia di via Laruccia e via Firenze (tra loro parallele) e senza alcun criterio con senso di marcia nella stessa direzione di via matteotti. provate a percorrere ora via d. aqui è divenuta un'arteria impossibile a transitare con un incrocio imbuto nella intersezione con via casamassima intasato a tutte le ore, pericolosa e con un carico di traffico che di sicuro non beneficia la salute di chi ci abita o ci lavora. se dovessero fare una rilevazione del suo inquinamento rileverebbero un tasso allarmante. Questo per realizzare una assurda pista ciclabile che non ha logica.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Lacalandra 2012-07-20 11:40
a proposito di miglioramenti di pista ciclabile… questo che vedete nel video SULLA NOSTRA PAGINA www.facebook.com/confinantitraliccionorbaconversano è PER CHI PENSA CHE IL TRALICCIO TN SIA SOLO UNA QUESTIONE DI ONDE ELETTROMAGNETICHE O STRUTTURA SENZA AGIBILITà, così invece, il monumento della vergogna conversanese, troverebbe degna giustificazione urbanistica ri-ciclabile.....
PRIMA DI PENSARE A RENDERE IMPRATICABILE IL CENTRO DEL PAESE, PENSATE AD AGGIUSTARE LE STRADE D'ACCESSO A CONVERSANO, SONO GROVIERE DA ROTTURA DELLE SOSPENSIONI E AMMORTIZZATORI...E NON SOLO QUELLI SI STANNO ROMPENDO!
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Francesco 2012-07-20 11:08
NON SIAMO ASSOLUTAMENTE daccordo con questo scempio che questi politici vogliono imporci a tutti i costi.Possono tranquillamente togliere tutti quei maledetti parcheggi a pagamento che sono presenti intorno a tutta la Città rendendoli completamente ciclabili,senza modificare nulla della viabilità esistente e soprattutto senza sperperare ulteriormente fondi pubblici.Voglio proprio vedere come farebbe un'ambulanza o in situazioni d'emergenza a fare tutti sti giri nel traffico cittadino.Ma ve ne rendete conto????? Tranquilli ci rivedremo alle prossime elezioni!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 GiuseppeB 2012-07-20 10:12
Ben venga la pista ciclabile con le dovute migliorie che solo in corso d'opera possono essere apportate. Il valore aggiunto deve essere però la redazione di un piano traffico con l'esclusione da subito dei mezzi pesanti dal centro tranne che per carico e scarico.Abbiamo una circonvallazione sotto utilizzata, basta vedere i camion che provengono da Rutigliano e devono andare su Polignano attraversare il centro quando passando per la circonvallazione(per intenderci davanti la Gessyca) si immetterebbero su via Cozze e arriverebbero a Polignano via ss 16. In piu' la cosa da fare immediatamente contestualmente al senso unico in via Matteotti è un anello che scenda ( sempre a senso unico) da via Lago Sassano, via Divisione Aqui, via Florenzio Jaia e Piazza Carmine. Via Divisione Aqui a tutte le ore è un'inferno considerando che il divieto di sosta e fermata è sistematicamente ignorato e il doppio senso di marcia non è praticabile.Quindi l'unica soluzione sarebbe il senso unico.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI