Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

La Politica necessaria: una proposta di rilancio della buona politica

SEL

Uno sguardo critico, oggettivo e privo di partigianeria, sulle ultime esperienze amministrative della nostra città, mostra una Conversano nella quale è venuta a mancare la Politica. Il tempo ha cambiato, anzi rivoluzionato, il modo e gli strumenti di governo di una città. Ma Conversano sembra sempre ferma a dieci anni fa. I rapporti di forza tra partiti, cittadini, movimenti e comitati si sono andati, via via, a regolamentare in maniera sempre più consapevole e trasparente. E a volte anche più semplice. Ma non a Conversano. Ad esempio ci sono, oggi, in Italia realtà capaci di redigere un vero bilancio partecipativo: uno strumento che rende protagonisti e consapevoli i cittadini. Oppure esistono comuni che ottengono eccellenti percentuali di raccolta differenziata. E sempre più diffuse sono le città che accettano una politica di “cementificazione zero”, rispettando il territorio e la sua conformità, senza rinunciare alla nuova edilizia. Tutto questo a Conversano non c’è.

Ancora oggi, nonostante le promesse del “nuovo”, la nostra città è ancora ferma, ad una gestione più vicina agli anni novanta che al nuovo secolo. Conversano non è riuscita a voltare pagina, mai, sulle dolorose questioni che da decenni segnano la nostra quotidianità. Si è riusciti addirittura a dividere la città sul progetto di riqualificazione dell’ospedale. Il necessario piano urbanistico non è stato realizzato nei tempi promessi, e a farne le spese sono le imprese e i lavoratori della città.

Quello che è venuto a mancare negli ultimi anni a Conversano è stata la condivisione di un percorso di crescita con tutti i cittadini. Ecco, allora, che si fa indispensabile, ora più che mai, scacciare questo spettro che si aggira per la città. Riteniamo che sia giunto il tempo di impegnarsi per una Politica necessaria. Una Politica che si costruisca sui concetti di democrazia, cittadino, bene comune, partecipazione e condivisione.

Per farlo è necessario riaprire il dialogo nella nostra città con chi tra cittadini, partiti e movimenti ha voglia di portare il cambiamento anche nella nostra terra. Una operazione di “riparazione” di Conversano. Per questo il circolo di Sinistra Ecologia Libertà sente il desiderio di proporre, e condividere, una semplice ricetta per rilanciare nella nostra città una idea di governo differente. Un progetto che debba ripartire superando la triste stagione di prebende e favoritismi di bottega e rinunciando una volta per tutte alle procedure semplificate per l’affidamento degli incarichi! La soluzione, crediamo e ne siamo convinti, sta nel proporre, per esempio, la turnazione degli incarichi pubblici. Scegliere di non favorire solo una parte dei professionisti della città ( i soliti noti…), ma a turno poter affidare lavori e progetti a tutti i professionisti, prevedendo l’obbligo di affiancamento nell’affidamento di incarichi pubblici anche dei più giovani. Altro strumento necessario crediamo sia la costituzione di istituti di partecipazione reali e funzionanti. Luoghi, con regole precise e chiare, fondamentali per poter condividere con tutti i cittadini l’esperienza del bilancio partecipativo. Tutti devono sentirsi liberi di comprendere come, e con quali risorse, contribuire al futuro della città. Oggi tutti parlano di partecipazione, quando però dalle parole bisogna passare ai fatti, chissà perché, è sempre necessario del tempo per organizzare al meglio il coinvolgimento dei cittadini. Il dato di fatto è che oggi, a Conversano, ci sono gli stessi strumenti di partecipazione pensati a metà degli anni novanta, nel frattempo anche la Costituzione è stata modificata per favorire la partecipazione di tutti alle scelte sui beni comuni…

Come tutte le ricette, anche questa è migliorabile. Magari rendendola più forte attraverso il confronto innanzitutto sui problemi della nostra città e su come risolverli e non delle alchimie politiche, degli equilibrismi tattici, dei candidati e dei candidabili . E accettando di dialogare con chi ha a cuore il futuro di Conversano.

Sinistra Ecologia e Libertà Conversano – Circolo Vittorio Arrigoni

Commenti 

 
#5 Giobbe 2012-10-03 08:11
Nell'asfissia di una malcelata ansia da debacle, anche gli specchi delle allodole diventano utili stampelle per continuare in una agognata ascesa ormai, da tempo, terminata.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 vivagabriel 2012-10-02 11:59
da quale pulpito viene l'esortazione programmatica della turnazione dei professionisti negli incarichi comunali! I "Bonasora" (massimi rappresentanti del SEL) di passata memoria hanno monopolizzato nella loro esperienza di Amministratori la casta dei soliti noti professionisti. Basti vedere i nomi degli avvocati da en plein di incarichi, che hanno mietuto circa 1 miliardo di vecchie lire di parcelle (non è una esagerazione, anzi...) in pochi anni (una per tutte l'avv. A***, per giunta del Foro di Taranto!!!!!). Ancora una volta confermano l'antico saggio "fate ciò che dico io, ma non fate ciò che faccio io".
Segnala all'amministratore
 
 
#3 blablabla 2012-10-01 16:22
chi vuole il bene della città o da destra o da sinistra, come cittadino, ha il dovere di mettere insieme le forze per il cambiamento.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 p.laricchiuta 2012-09-30 14:06
@blablabla: se ho capito bene, TU vorresti sostenere che chi milita a destra è UGUALE a chi lo fa a sinistra (nei rispettivi partiti). e di quali sbarramenti parli? sono sincero, non ho capito quale sia il senso del tuo ragionamento
Segnala all'amministratore
 
 
#1 blablabla 2012-09-29 19:11
anche voi siete per un dialogo aperto con i cittadini. anche voi, e chissà perchè tanti altri partiti oggi si mostrano come aperti a tutti. Ma se è vero, come è vero, che ci sono sempre sbarramenti per chi la pensa o milita in un partito di sinistra anzichè di destra e/o viceversa, ecco che la partecipazione cessa di esistere e si torna alla vecchia beata prima repubblica.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI