Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Amodio: Una proposta per superare lo stallo del centrosinistra

lettera

Gli avvenimenti di quest’ultimo periodo nell’area del centro sinistra conversanese, non possono lasciare indifferenti quanti militano o quantomeno simpatizzano con essa. Il mio riferimento è all’incapacità di riuscire a mettere insieme una coalizione − in grado di rimediare all'esperienza fallimentare del centrodestra conversanese − per una serie di veti incrociati tra i protagonisti e improbabili fughe in avanti (per nemmeno garantirsi un posto in consiglio!).

Personalmente non possiedo la soluzione, ma non per questo non penso a come si potrebbe risolvere questa situazione di empasse in cui ormai da troppo tempo siamo caduti.

Se provassimo a superare con un netto ricambio generazionale lo stallo che stiamo vivendo, cercando di dare impulso alla politica e lasciando che nuovi attori sostituiscano gli attuali?

Non vorrebbe essere una rottamazione finalizzata a mettere in soffitta i “professionisti”, bensì un avvicendamento in cui i più capaci tra i giovani, lavorando alacremente, si mettano in evidenza ai più esperti, e dopo averli affiancati per metà mandato, li sostituiscano a tutti gli effetti al giro di boa.

Del resto, abbiamo visto giovani capaci nelle fila del Partito Socialista (lavorando alla realizzazione di eventi come Lectorinfabula); ce ne sono nelle fila del PD, di SEL e sicuramente nell'organizzazione "poliedrica" che affianca Gian Luigi Rotunno.

È chiaro che i giovani non devono aspettarsi che gli anziani (genitori compresi) lascino loro il passo. Devono proporsi e, prepotentemente, occupare gli spazi della politica sana, orientando − con un lavoro di cui solo loro, con le inesauribili energie, possono dar prova − le scelte che riguarderanno il proprio futuro.

In buona sostanza, i giovani devono imporsi sul presente, senza compromessi e senza ulteriori indugi.

Che ne pensate? È utopia o una soluzione percorribile?

 

Nichi Amodio

Commenti 

 
#7 sgro 2012-10-22 14:41
La moralità di un paese nasce dal basso. Non si può esigere moralità dalla politica se siamo noi , per primi, ad infrangerla con comportamenti opportunistici. I politici sono dei rappresentanti, ed in quanto tali rispecchiano la volontà dei loro elettori. Ma sono pochi quelli che la esprimono con cognizione di causa. Questa è una colpa, non certo dei rappresentanti, ma dei rappresentati.

In tanti anni, tante volte c'è stata la possibilità di esprimere il proprio orientamento politico in favore di un cambiamento radicale, ma alla fine sono sempre i soliti a rappresentarci. Ci sarà un motivo!

Un gregge di pecore non può scegliere il proprio pastore. E' questo il punto, siamo in grado di prendere delle decisioni consapevoli?

Si parla di democrazia, di maggiorarza. Ma la maggioranza conosce davvero il proprio potere?

Si vota per amicizia, per interesse, per sentito dire, è questa la colpa. Il suffragio universale è una conquista preziosa, ma solo se adeguatamente correlata ad una effettiva scelta consapevole.

Si fa presto a puntare il dito contro i tanti malfattori che riempiono i tg. Ma chi li ha eletti? Perchè ricoprono quelle cariche?

E' necessario un serio esame di coscienza da parte di tutti. La politica è una cosa seria, o almeno dovrebbe
esserlo.
Segnala all'amministratore
 
 
#6 Alfredo 2012-10-21 13:58
La riflessione di Nichi Amodio rappresenta un interessante stimolo per passare dalla attuale fase, sospesa tra il "non più" ed il "non ancora", ad un deciso percorso di rinnovamento. Opportunamente non in nome di un giovanilismo aprioristico, ma con un forte richiamo a competenze e passione. Ed anche chi non è più giovane e deve dare il suo contributo in termini di esperienza e saperi acquisiti. Ma i giovani, che devono essere i veri protagonisti della nuova stagione, dove sono? Tutti seduti ai bar di Largo di Corte? Ed i movimenti giovanili dei partiti dove sono finiti? Non è che per caso sono capaci di fare notizia solo quando "gli adulti" glielo consentono (vedi lunghe relazioni da improbabili Convegni)? Sveglia giovani, il futuro è vostro, se saprete esserci.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 donato i. 2012-10-21 09:40
i soliti commenti qualunquisti di chi ama criticare nell'anonimato e non ha il coraggio di proporsi lavorando.
avete quello che vi meritate!
Segnala all'amministratore
 
 
#4 redjoe 2012-10-20 19:57
Ci vuole una figura femminile a guidare questo Comune, Rotunno & C, Lovascio & C, Salzo & C, è l'ora di dire BASTAAA!!!
... Giusto per non ricordare ... Bonasora e Judice.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 redjoe 2012-10-20 19:53
da che pulpito viene la predica
Segnala all'amministratore
 
 
#2 rio 2012-10-20 18:50
tutto ciò significa status quo?
e poi ...... i giovani. Si, ma poi!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 falceecarrello 2012-10-20 14:41
.... Credo che non ci sia bisogna di occupare anche questo media per parlare di questioni sinistre. Avete okkupato con i vostri comunicati tutto lo scibile dei media di Conversano e provincia. Siete sempre piu' "la gioiosa macchina da guerra" di occhettiana memoria. E anche questaq volta perderete le elezioni!!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI