Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Pista ciclabile: "Aumentano i disagi per i cittadini"

terra-nostra-logo

Da ieri con l’inizio dei lavori in Via Rosselli l’incubo viabilità si incomincia ad avvertire in maniera più concreta e forte. Non vi è stata alcuna comunicazione in tempi adeguati dell’inizio dei lavori agli operatori commerciali e alla cittadinanza tutta.

Che fosse un intervento tecnicamente sbagliato si era avvertito sin dall’inizio; ora si avverte e si avvertirà sempre di più con il senso unico e la prosecuzione della pista ciclabile di Via Rosselli.

I cittadini sono disorientati per l’affannosa ricerta di un percorso alternativo, facile per Via Matteotti e Calata San Rocco molto più problematico per Via Rosselli .

Le conseguenze del persistere su questa strada potrebbero essere:

- un maggiore inquinamento;

- conseguente compromissione della qualità dell’aria che si respirerà per i ciclisti e per i pedoni;

- maggiori ostacoli per gli interventi di pubblica sicurezza e di pronto intervento.

Ancora una volta questo è un esempio di come un intervento pubblico non adeguatamente supportato da un attento studio delle problematiche adesso collegate anzichè apportare un beneficio, quale può essere la presenza di una pista ciclabile inserita nel percorso cittadino, crea disagi, problemi legati alla sicurezza e alla salute per tutta la cittadinanza.

Invitiamo tutti a riflettere su cosa si vuol realmente far per il bene della nostra città nei prossimi mesi ma sopratutto nei prossimi anni.

Il Coordinamento del Movimento

Commenti 

 
#8 Rosa Palumbo 2012-11-23 11:15
Sono conversanese e da 15 anni vivo nel Bolognese ,dove le piste ciclabili esistono da sempre.Donano vivibilità e pregio alle nostre città, immaginate la domenica mattina andare in villa o in chiesa in bici con la propria famiglia...fare la spesa tutti i giorni...o andare a far visita ad amici usando la bici.....così mettiamo da parte la boriosità dello sfoggiare macchinoni che tanti non si possono nemmeno permettere ,solo per andare a comprare del pane........Brava Conversano sei sulla giusta strada...."
Segnala all'amministratore
 
 
#7 red joe 2012-11-22 22:25
scusate ma non eravate i grandi supporter di questa sciagurata amministrazione, ed in particolare piccoletti diventati conoscitori del flusso del traffico, della mobilità cittadina ecc. ....
Segnala all'amministratore
 
 
#6 Gianvito F. 2012-11-21 13:32
Nifrio, il degno elettore di Renzi!
Segnala all'amministratore
 
 
#5 massimodileo1 2012-11-20 16:15
resto allibito nel leggere alcune dichiarazioni, ma davvero si può essere così ottusi dal non pensare che chi ha progettato quella pista sia una capra, poi rispetto al fatto del percorso alternativo, credo che sia una sciocchezza micidiale, piuttosto la cattiva abitudine dei conversanesi di parcheggiare ovunque che porta al formarsi del traffico o il procedere a velocità bassissima con il telefono all'orecchio. Poi se l'attacco è politico va bene tutto, tanto basta andare contro e il gioco è fatto!!
Segnala all'amministratore
 
 
#4 nifrio 2012-11-19 17:42
Egregio Direttore,
In una nazione dove la politica ha perso il senso più profondo della parola e tutti i partiti stanno ampiamente dimostrando di essere una confraternita di farabutti e di incapaci (li abbiamo votati per governare ed hanno dimostrato la loro inettitudine), anche noi, qui a Conversano, nel nostro piccolo, abbiamo da anni dimostrato come un posto in Consiglio comunale (di qualsiasi tipo esso sia) incida notevolmente sui freni della logica, della democrazia e della trasparenza. Esempi eclatanti sono l’Ospedale che da anni ci stavano togliendo e la discarica che da anni ci stavano dando. Si sa bene, come in tutte le cose, che chi mangia, digerisce. Ma non possono far digerire tutto ai cittadini. Del resto, si può sempre intraprendere una class action contro gli enti che avrebbero dovuto controllare e monitorare le varie situazioni; se i casi di tumori, ad esempio, sono aumentati ed il monitoraggio è stato carente o inesistente. Tornando alla nostra città, la crisi che ormai attanaglia ogni singolo cittadino incide notevolmente sulle spese che ognuno deve quotidianamente affrontare, così si dimezzano le vendite e calano di tanto le richieste di interventi artigianali. Abbiamo già assistito all’assenza di vendite in via Matteotti ed ora allo spreco enorme di benzina degli automobilisti. Dal blocco di via Rosselli,infatti, mediamente un artigiano sciupa almeno 5 euro in più al giorno di benzina per spostarsi durante il lavoro. Certamente non può andare in bici per trasportare i suoi attrezzi ogni giorno dell’anno, mente i ciclisti (senza aver nulla contro di loro), si muovono soltanto con il bel tempo. La “bellezza” della pista ciclabile sicuramente non porterà niente alla città, farà respirare i gas di scarico ai suoi fruitori e lievitare i costi di spostamento ai cittadini (compresi quelli dell’assicurazione, visto gli incidenti che già sono successi in una settimana. A chi governa e a chi è all’opposizione un rimbrotto a fare meglio. Ai cittadini, invece, un invito a pensare a cosa sarebbe successo in una città francese (gè si avussere mangète).
Segnala all'amministratore
 
 
#3 NorbaVoice 2012-11-16 09:17
la pista ciclabile e' solo un salva persone....(chi capisce, capisce)
Segnala all'amministratore
 
 
#2 ban 2012-11-15 21:31
benissimo il movimento,ma i cosidetti politici perchè non dicono ora la loro senza aspettare le prossime alleanze per le comunali?
Segnala all'amministratore
 
 
#1 azcomeeperche 2012-11-15 16:42
Aumenta limbarazzo della citta circa il movimento. Non quello ciclopedonale
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI