Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

ALBA: "Facciamo Presto". L'appello per le prossime elezioni amministrative

alba conversano

Dal Movimento di cittadinanza attiva ALBA
alla campagna "Cambiare si può"
all'appello "Facciamo presto"... cosa succede a sinistra per le prossime elezioni Politiche 2013

 

Carissimi, nei mesi e nelle settimane scorse alcuni di voi hanno intrapreso a Conversano e non solo il percorso di ALBA - Soggetto Politico Nuovo per animare a partire dai territori un processo di democrazia partecipata che dia voce alle istanze di chi (e siamo sempre di più) non si sente più rappresentato da simboli, metodi, regole, programmi e azioni dei partiti novecenteschi (spesso personali).

ALBA, come abbiamo detto anche a Conversano l'11 ottobre scorso, è un Movimento civico con una visione a medio-lungo termine compatibile con il senso di responsabilità e la necessità di radicarsi ed essere credibile a tutti i livelli; per questo ALBA non sarà una lista elettorale nè alle prossime politiche nè alle prossime amministrative (per Conversano) nel 2013.

Ma ALBA non rinuncia responsabilmente a portare il suo contributo ad un più ampio processo di aggregazione a sinistra di PD-SEL (filo-montiani con il loro patto di intenti e con le alleanze che si vanno prefigurando) e ovviamente distinto dalla sola protesta del M5S, per questo sta sostenendo a livello nazionale (con un sostanzioso contributo in termini di contenuti programmatici e di promotori in comune) la campagna "Cambiare si può"  finalizzata alla costituzione e presentazione di liste di cittadinanza (caratterizzate da una effettiva parità di generele ed equa rappresentanza territoriale e di ambiti lavorativo-sociali-culturali di appartenenza).

Aderendo alla Campagna di CSP (e lo abbiamo fatto in tanti ormai), dopo l'assemblea nazionale del 1° dicembre a Roma, nello scorso finesettimana 14-15-16 dicembre, oltre 15.000 persone si sono ritrovate in circa 100 assemblee regionali/provinciali di "Cambiare si può", manifestando la volontà forte di andare avanti senza riciclare vecchie sigle e facce di partito, sancendo la necessità di metodo e regole nuove per praticare una politica nuova, che inverta le proprie priorità e privilegi giustizia ed equità sociale prima della "quadratura dei conti" e dei tanti tornaconti personali.

Ieri ho avuto il privilegio di poter sottoscrivere insieme ad altri componenti del Comitato Operativo Nazionale di ALBA (Emmanuele Curti, Teresa Masciopinto, ...) e a nomi di assoluto rilievo nel panorama socio-culturale italiamo (Fiorella Mannoia, Gino Strada, ...) l'appello "Facciamo Presto": un richiamo all'unità di tutto il cosiddetto "popolo arancione" (da Ingroia a De Magistris a "Cambiare si Può" ai tanti movimenti referendari ed alle organizzazioni di impegno civile che vi si ritrovano), affinchè il voto a sinistra alle prossime politiche 2013 non solo sia utile, ma anche necessario.

Tutto questo per dire che c'è tanto fermento e voglia di lavorare su regole (per la costituzione delle liste e l'esercizio del mandato di rappresentanza) e contenuti programmatici, prima che su nomi e simboli. Come Nodo ALBA di Conversano stiamo cercando di adoperarci perchè questo fermento "contagi" anche la nostra comunità locale in vista delle prossime elezioni amministrative: Chi è della partita?

 ________________

Per consentire a tutti di avere un quadro chiaro di quanto a sinistra sta avvenedo (e di poter valutare la possibilità di aderire ad ALBA a livello locale e di sottoscrivere la campagna Cambiare si può a livello nazionale), ecco il testo dell'appello "Facciamo presto":

Le prossime elezioni politiche saranno un momento costituente per la ricostruzione del nostro paese: dalla nuova legislatura - se ci impegneremo tutti - può nascere un'Italia più civile, più onesta, più giusta. Che sostiene il pubblico e non il privato, rifiuta la guerra, combatte davvero la corruzione e l'evasione.

Ad aprire questa porta verso il futuro saranno i cittadini e le cittadine: non le banche, non i poteri forti, non le cancellerie europee.

Nelle ultime settimane si è andata formando, per molti versi in modo spontaneo e fuori dagli apparati dei partiti, un'area civica e politica che si ispira alla pagina più bella della storia italiana recente: quella dei referendum vittoriosi sull'acqua, sul nucleare e sul legittimo impedimento; quella dei nuovi sindaci che hanno vinto a sorpresa in tanti comuni piccoli e grandi.

Quest'area civica e politica, che viene oggi chiamata arancione, si è presentata il 1° e il 12 dicembre a Roma, con le assemblee di Cambiare si può e del Movimento Arancione. Ma sta già attraendo decine di migliaia di semplici cittadini così come di attivisti di associazioni, movimenti, sindacati, ma anche militanti di base ed elettori di partiti già esistenti come Sinistra Ecologia e Libertà, Partito democratico, Italia dei Valori, Federazione della sinistra, Verdi, Radicali e altri ancora.

Per questo chiediamo che ci si organizzi rapidamente in un unico progetto di unione civica arancione in vista delle elezioni del 2013. 

Per questo chiediamo un atto di grande generosità e di altruismo da parte dei vertici dei partiti più vicini a questo progetto - Italia dei Valori e Rifondazione in testa - perché rinuncino al nome e al simbolo così come alla spartizione delle liste arancioni.

Per questo chiediamo un atto di grande responsabilità ad Antonio Ingroia, a Luigi De Magistris e ai promotori di Cambiare si può perché si impegnino in prima persona e insieme nella definizione dell'unione civica arancione e nella creazione di un comitato elettorale di garanzia per arrivare alle liste delle candidature e dare il via alla campagna elettorale.

Il tempo è poco, bisogna fare presto!


 Chiara Candela
Nodo Alba Conversano

Commenti 

 
#1 chiara candela 2012-12-19 07:18
Il messaggio inviato anche alla stampa locale, oltre che a tutti gli aderenti ad Alba ai firmatari di Cambiaresipuo e cittadini interessati, è stato firmato da Chiara Candela
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI