Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

In che stato sono le falde acquifere? Se lo chiede anche Mottola

discarica-conversano-falde-acquifere

 

Durante il Consiglio Comunale di Conversano del 26 novembre, sulle vicende giudiziarie della discarica, il consigliere Nico Mottola presentò un suo ordine del giorno riguardo lo stato di salute delle falde acquifere, argomento che oggi, a distanza di settimane da quella lettura, sembra finito nel dimenticatoio, scomparso dai menabò della "pazza stampa" locale.

Un ordine del giorno che, in realtà dovrebbe riguardare non solo la città dei conti, ma anche i comuni limitrofi.

Diamo una spolveratina alla memoria e lo rileggiamo, dato che risulta sempre di vitale attualità. Vitale quanto l’acqua, bene pubblico, per la cui tutela, Mottola chiedeva indagini e analisi su tutto il nostro territorio rigato da falde proprio nelle vicinanze della discarica. 

 

LA RICHIESTA DI MOTTOLAnico-mottola-conversano

Premesso  che nel nostro territorio è ubicata da oltre 30 anni, in contrada Martucci, una discarica di bacino a servizio di 21 comuni; che  al fine di monitorare il nostro territorio, si rende necessario, in modo cautelativo, per la difesa dell'ambiente e della salute pubblica dei cittadini intervenire per richiedere una indagine conoscitiva  specifica a difesa della risorsa preziosa che è l'acqua, bene pubblico. Il Consiglio Comunale impegna il Sindaco ad attivarsi immediatamente per commissionare, ciascuna per le proprie competenze, alla AUSL BA e all'ARPA Regione Puglia, una indagine riguardante analisi su tutto il territorio di Conversano, centro abitato e agro compreso, per verificare se sono presenti nell'acqua ad uso alimentare ed uso irriguo, tracce di sostanze e/o presenza di altri metalli pesanti che possono nuocere alla salute pubblica, oltre i limiti previsti dalla legislazione e dalle direttive comunitarie”.

 

Abbiamo pubblicato quest’ordine, potendoci anche agganciare ai recenti sviluppi riguardo una indagine nazionale ripresa in più puntate dalla nota trasmissione televisiva “Striscia la Notizia”. L’indagine servirà ad accertare possibili correlazioni esistenti tra falde acquifere inquinate e patologie tumorali in costante aumento.

 

CASI ECLATANTI – Sono numerosi i casi eclatanti portati alla luce dalla stampa locale e nazionale. Pensiamo alla riserva del Matese, per il caso delle Carpe trovate morte nel lago. “L'acqua è inquinata, i depuratori  sono fermi, a ciò si aggiungono le discariche abusive di rifiuti pericolosi, gli scarichi abusivi di rifiuti chimici nelle fogne provenienti da industrie nel territorio, l'inquinamento elettromagnetico da centrali di telefonia mobile”. Questa la denuncia di Gian Mario Frattolillo di Legambiente Matese e poi ripresa dal tiggì satirico. Dalla moria di pesci ai rifiuti a Napoli, dove l’Arpa Campania ha pubblicato un rapporto lungo tredici pagine: “Piano di monitoraggio e controllo e stato delle acque sotterranee discarica Sari”. A Terzigno, in provincia di Napoli, le falde acquifere sono inquinate e l’Arpa vuole vederci chiaro.

Ci spostiamo nel Casalese. Il 9 dicembre 2012, la Dia di Napoli, su ordine della Procura partenopea, ha emesso una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Cipriano Chianese e Francesco Bidognetti, detto “Cicciotto ‘e mezzanotte”, sottoposto a regime di 41 bis. L’accusa è di disastro ambientale a seguito di avvelenamento delle falde acquifere.

“Il Fatto Quotidiano” cita una perizia inquietante del 2010 consegnata alla Procura di Napoli, nella quale già si ipotizzava che nel Casalese, “nel 2064 ci sarà il picco della degenerazione delle sostanze inquinanti e in particolare del percolato, derivante dalle 341mila tonnellate di rifiuti speciali pericolosi (a cominciare dai fanghi dell’Acna di Cengio) che, oltre a 500 tonnellate di rifiuti speciali non pericolosi e 305 mila tonnellate di rifiuti solidi urbani, raggiungeranno le falde più profonde avvelenando centinaia di ettari di terreno.”

Il percolato è una parola tristissima, che ci rimanda alle scottanti rivelazioni della nostra inchiesta “Traffico di rifiuti” a Conversano. Per questo, e perché i riflettori non siano mai spenti, rilanciamo la richiesta presentata dal consigliere Mottola, su quesiti tuttora in attesa di risposta:


In che stato sono le falde acquifere del nostro territorio? L’acqua, bene pubblico, garantisce la salute pubblica? Le istituzioni dei paesi limitrofi, dove peraltro le falde acquifere sfociano nei nostri mari, stanno ancora a guardare?   

Commenti 

 
#11 M. Scisci 2013-01-03 14:50
Cari psedudi sinistri avete rotto!!!
I vostri innumerevoli interventi su questa testata che, non si capisce perchè continuano ancora a concedere visibilita' nonostante la sciocchezze sterili pubblicate sempre sulle prime pagine dei giornali locali dei vari rotunno, bonasora. Una vera e propria offensiva mediatica (il vostro e' monopolio non quello berlusconiano)per i tanti articoli a "gettone" che vertono tutti su ciò che LORO - i pseudosinistri - non fanno o fanno malamente. MAI e dico MAI, un intervento sul NOI (pseudosinistri) faremmo così... MAI e dico MAI, un proposta o uno straccio di linea programmatica alternativa da proporre nel caso in cui, malauguratamente, a mio avviso, rotunno bonasora e candele varie con la loro allegra compagnia fossero eletti.
Il carrozzone di questa amministrazione ci sta portando verso il baratro, ma voi di certo con le vostre invettive ed il vostro nulla non contribuite alla rinascita della città così come volete far credere.
Fate un favore alla cittadinanza, se non avete nulla di nuovo e di buono da proporre meglio che tacete.
E' meglio per tutti.
Segnala all'amministratore
 
 
#10 UN AMICO DI MOTTOLA 2013-01-01 02:32
X I SINISTRI CHE SCRIVONO FACENDO FINTA DI NON SAPERE NULLA.
ANCHE SE DI RITARDO ,IL CONSIGLIERE MOTTOLA HA POSTO UN PROBLEMA SERIO, ALLA STRGUA DI CIO' CHE è E VERRA' FUORI DALLE INMDAGINI DELLA MAGISTRATURA.E VOI CHE FATE?LO RIMPROVERATE PER IL SUO RITARDO? PERCHE'NON AVETE PARLATO QUANDO IL VOSTRO SINDACO DEL 1996 IN COLLABORAZIONE CON ALTRI RIAPRI' LA DISCARICA IN FAVORE DI UNA VALANGA DI SPONSORIZAZZIONI? DISCARICA APERTA, CITTA' APERTA...... A TUTTI I TIPI DI ACCORDI.AD MAIORA ROSSI DI VERGOGNA.
Segnala all'amministratore
 
 
#9 rosso comunista 2012-12-27 13:32
@destrasociale: come si può dar ragione al consigliere Mottola che, governando, avrebbe potuto far sì che questi controlli venissero attuati dall' amm. comunale??? in5anni il suo silenzio è stato forse acquistato? se no, parlare ora è mettere una pezza a 5anni di mostruoso silenzione tombale. connivente perciò! fino a poco tempo fa, il consigliere ha sprecato soldi pibblici(insieme al consigliere Giannini) per la stampa e la NON -AFFISSIONE di manifesti sul "decoro urbano"; quelli STESSI soldi l' avrebbe potuti investire sulle analisi, no?!? destrasociale, pensa anche a chi rappresenti/alla tua base di riferimento!
Segnala all'amministratore
 
 
#8 V.A. Grittani 2012-12-27 10:00
a destrasociale: capisco che è giunto il momento che il sig. Mottola si faccia un po' di pubblicità dal momento che non ha cavato un ragno dal buco per tutto il tempo. Capisco che ora sente fuggire il potere dalle mani e finge di interessarsi anche delle falde, ma cambi mestiere è meglio.
Segnala all'amministratore
 
 
#7 cittadino 2012-12-27 09:58
Dove ci sono commenti dei "sinistrati", c'è idiozia pura.
Segnala all'amministratore
 
 
#6 destrasociale 2012-12-25 21:25
Chi ha visto la puntata su REPORT domenica scorsa si sara' reso conto che il consigliere Mottola si dimostra ancora volta efficace nelle sue tante iniziative. I commenti fatti su questa pagina sono strumentali e dimostrano come siano orchestrati e orditi solo per vana strumentalizzazione politica. Bravo Mottola vai avanti così e non ti curar di loro. Fatto anche notare che il documento del Comitato Riprendiamoci il Futuro e' carente sul punto di vista ben cristallizzato dal consigliere Mottola che suggerisce di analizzare l'acqua su tutto l'agro di Conversano. In consiglio magari ci fossero 20 consiglieri come lui.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 Martina Franca 2012-12-24 13:20
Eternamente fuori tempo; di fracchiana memoria.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 PLATONICO 2012-12-24 13:15
Mottola deve cominciare a chiedere al capo dell'amministrazione dove vanno a finire le acque di scarico dell'Associazione Sportiva Montecarretta. Non è solo la discarica che inquina le falde.
Mi associo a bravo e don chisciotte.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Adriano 2012-12-22 20:55
Va bene, rilanciamo la proposta del buon Mottola , Facciamolo è importantissimo, si tratta della nostra vita , e dei nostri figli!!! Però il Mottola deve anche fare e non solo dire!
Segnala all'amministratore
 
 
#2 don chisciotte 2012-12-22 08:07
QUANDO LA PUBBLICITA' PRENDE LA MANO E LA TESTA.
Ma dove cappero sei stato in questi ultimi cinque anni? Non ha mai saputo che comune e regione erano obbligati a fare monitoraggi sulle falde e sulla salute pubblica? Cinque anni sono troppi per porsi domande di questo tipo.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 bravo 2012-12-22 07:56
ed alla fine, pure Mottola si è fatta questa domanda. E' arrivato per ultimo, ma finalmente ci è arrivato. Congratulazioni!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI