Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

Tsunami tour! Grillo infiamma il Palaflorio nonostante il freddo

grillo bari

Quello di ieri sera, era un Palaflorio pieno di gente, di ogni età. Frutto di un consenso ricevuto senza andare in televisione. Con la forza della rete e dei contenuti del movimento.

«Populista !!», «Demagogo!!». Si fa prendere in giro Grillo, chiede di alternare dagli spalti di destra e poi da quelli di sinistra, questi intermezzi da cabaret, ma non è solo cabaret.

«Le banche italiane prendono un sacco di soldi da quella centrale europea, dove vanno a finire questi soldi? In investimenti bancari di profitto solo per loro stesse, perche per i cittadini, per i piccoli imprenditori il rubinetto è chiuso. E la politica cosa fa? Mette il redditometro! Il redditometro che scandaglia le famiglie e del quale oggi non si conosce né il padre né la madre».

Ammette di sentirsi un visionario, un idealista, che propone altre ricette.

Ci vorrà tempo, a Grillo non interessa vincere le elezioni, importante «è portare una nostra pattuglia che filma tutto, in parlamento come nelle commissioni, e che proponga una visione diversa dell’energia, dell’economia, della qualità della vita».

Durante la serata presenta i candidati pugliesi «quelli che prenderanno 2500 euro al mese, restituendo il resto in un fondo per la piccola imprenditoria come hanno fatto in Sicilia, che parteciperanno all'80% delle riunioni parlamentari, che avranno massimo due mandati, che non lasceranno un incarico per proporsi per un altro, che non hanno condanne in nessun grado, che sono spinti da cittadini puliti e movimenti basati su temi locali per la qualità della vita».

Il 24 e 25 febbraio, si potrà anche raggiungere più del 14%, ma Grillo è lungimirante, punta al 100% , per poi sciogliere il movimento, quando cioè i cittadini si saranno riappropriati consapevolmente della cosa pubblica e della sua gestione.

Ci vorranno decenni, quelli che basteranno a far capire alla gente che i cittadini devono tutti partecipare.

E’ un fiume in piena, il suo intervento dura più di un ora. Ce l’ha con i politici candidati a queste elezioni nazionali , che sono incapaci di curare la malattia che loro stessi hanno creato, e ce l’ha anche con i giornalisti, i -pennivendoli- che trasformano le sue frasi per togliere consenso.

«Ho 65 anni, potevo fare il pensionato, ho soldi ed una famiglia splendida per farlo, ma mi sono tuffato in mare, ho fatto tre km a nuoto, e abbiamo conquistato la Sicilia!».

Commenti 

 
#1 Figlio del Conte 2013-01-22 15:24
oggi no ci sono più certezze, ovunque ti giri ci sono scandali e truffe ai danni delle persone!
Questo movimento potrebbe essere un'altra fregatura "made italy" ? Potrebbe ma è l'ultima chance, perchè poi solo una rivoluzione o purtroppo una guerra potrà azzerare tutto per ricominciare una nuova era e vita.
Conversano deve dare un segnale, deve rinascere culturalmente e politicamente
tagliando una volta per sempre il cordone con il passato remoto e recente.
Parola di un feduatario
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI