Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

"Scelta Civica con Monti per l’Italia" si presenta a Conversano

scelta-civica-con-monti-1

Sabato 26 gennaio, presso la biblioteca del seminario vescovile, è stata presentata a Conversano la lista pugliese di “Scelta Civica con Monti per l’Italia”. All’incontro hanno partecipato Angela D’Onghia, capolista al Senato della Repubblica, Salvatore Matarrese, capolista alla Camera dei Deputati e il prof. Gaetano Piepoli, candidato alla Camera. A dirigere il dibattito il dr. Bartolomeo Lofano, coordinatore della Scelta Civica con Monti a Conversano.

scelta-civica-con-monti-donghia-e-matarrese-1Angela D’Onghia (nella foto a destra con Matarrese), imprenditrice nocese e prima donna pugliese a ricevere il titolo di Cavaliere del Lavoro, ha tenuto a marcare la natura civica della candidature presenti nella lista Monti, ribaltando le accuse di chi individua un handicap nell’assenza di esperienza politica: «Non ho mai fatto politica, forse avrei voluto non farla, ma mi sono sempre interessata delle criticità di questo paese dal lato imprenditoriale. Non sono mai stata né di destra né di sinistra e il problema è proprio che questa gente, di destra e di sinistra, ci ha governato per vent’anni e le cose vanno male. Noi non veniamo da Marte, veniamo da questo mondo e ne conosciamo i problemi. Siamo già predisposti a dover risolvere i problemi, ogni mattina in azienda ne abbiamo almeno tre».

scelta-civica-con-monti-2Sulle ragioni della propria candidatura, dopo diversi rifiuti ad entrare in politica in passato, ha chiarito: «Noi abbiamo l'obbligo, per i nostri figli, di riprenderci in mano l'Italia. Ho fatto questa scelta perché così non possiamo andare avanti. Negli ultimi anni vi è stata una decadenza totale, non solo a livello politico. In parte è colpa nostra e allora siamo chiamati ad assumerci il coraggio di una scelta diversa. Non mi interessa che un amico mi guardi e mi dica: “Ma come? Eri dei nostri”. Noi abbiamo una sola bandiera, l'Italia.»

Quindi le proposte: «Dobbiamo cominciare a chiedere conto ai nostri amministratori - perché sono nostri - di cosa producono e fanno. Dobbiamo trovare un meccanismo per rendere i loro risultati pubblici ogni sei mesi e trarne le conclusioni. Poi dobbiamo capire di avere un grande tesoro, il made in italy, non un semplice marchio ma uno stile di vita, famoso in tutto il mondo. La gente ci apprezza per il nostro modo di vivere, per la cultura, per come apparecchiamo la tavola, teniamo una conversazione, per come sappiamo essere famiglia. Dobbiamo partire dalla nostra cultura per aiutare le imprese, per internazionalizzare il nostro territorio, per fare in modo che il turismo non sia legato solo a due mesi ma a dieci mesi l'anno. Qualcuno dice che è un’impresa? Io dico che è solo lavoro»

scelta-civica-con-monti-lofano-e-piepoliSalvatore Matarrese ha invece illustrato gli obiettivi di un «movimento che vuole muovere le coscienze, un movumento di protesta ragionevole. Come dice il ministro Riccardi – ha continuato - noi non siamo moderati ma i più rivoluzionari, perché vogliamo mettere al centro gli interessi delle persone». E ancora: «Il nostro paese chiede il sacrificio di persone che possano dare una visione diversa e noi dobbiamo riuscire a motivare questo cambiamento. Questa macchina non la può cambiare chi finalizza l'operato al consenso». In conclusione l’intervento di Gaetano Piepoli (nella foto a destra con il dr. Lofano): «Il governo tecnico ci ha imposto terribili sforzi, ora non possiamo vanificarli. Monti è il garante della nostra credibilità internazionale, altro che servo della finanza. Non possiamo pensare che la ripresa dell’Italia si possa affidare a populismi estremisti come quelli di Ingroia, dei grillini, di Vendola»

 

Per gli aggiornamenti su Scelta Civica Puglia e Angela D’Onghia:

www.sceltacivicapuglia.it (facebook.com/SceltaCivicaPuglia)

www.angeladonghia.it (facebook.com/angeladonghia2013)

Commenti 

 
#3 redjoe 2013-02-03 18:26
Alcuni personaggi sono stati così fluttuanti, ma è giusto ricordare che in ogni compagine politica, quasi tutti si sono messi sul carro dei vincitori dal PSI a Forza Italia all'UDC ecc. ma non vi basta mai il potere e la ricchezza! un bagno di umiltà sarebbe un ottimo inizio.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Dalai Lama 2013-01-28 18:26
Il problema è che non si pùò fare politica prendendosi i simboli che sono liberi e che non ha ancora preso nessuno, a prescindere che essi siano a destra sinistra o al centro ... e mi riferisco a certi personaggi locali ... quanto alle candidature nazionali: non vengono daMarte, è vero, ma chissà perchè la metà dei candidati montiani hanno il doppio cognome ... solo elite, aristocrazia, nobiltà ... che ne sanno della gente normale?
Segnala all'amministratore
 
 
#1 falchi & colombe 2013-01-28 08:35
Presentazione interessante, belle persone, ci auguriamo che dalle belle parole si passa ai fatti i cittadini di Conversano e d'Italia tacciano non per la contentezza ma per la rabbia. Almeno voi evitate di farla esplodere. Un consiglio almeno a Conversano liberativi delle ombre e degli approfittatori pronti a prendere i primi posti per
" ritaglairsi un posto " . Nella vita la lealtà, la dignità, l'onestà, la rettitudine insomma un individuo o ce l'ha innata o non la si costruisce a seconda delle opportunità. La POLITICA nel suo vero senso e significato deve passare oggi più che mai da questi valori. Voi uomini che vi proponete e che certamente non avete bisogno di altri "benefici economici" poichè siete più che benestanti date l'esempio a tutti i livelli. Grazie
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI