Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Elezioni 2013. PD: "Non discutiamo di nomi, ma di programmi ed etica amministrativa"

partito democratico_simbolo_640_x_300

La settimana trascorsa ha dato una chiara rappresentazione di cosa è nella realtà il Partito Democratico, di come dibatte e cosa propone.

Lunedì 21 l’Assemblea Generale degli iscritti al Circolo di Conversano del PD e del GD, convocata per individuare i criteri di scelta del Candidato Sindaco del Partito Democratico, si è svolta con la stampa presente ai lavori, smentendo tutti coloro che, da spettatori interessati, hanno lungamente pensato e sperato di vedere distrutta l’unità del nostro Partito.

L’Assemblea, invece è stata fortemente partecipata, con interventi  ricchi di analisi e valutazioni improntati  alla ricerca argomentata della soluzione migliore, senza personalismi o eccessi verbali.

Il Partito Democratico, ancora una volta, si dimostra l’unica formazione politica che discute pubblicamente delle proprie questioni, rifiuta le logiche degli accordi di palazzo e degli scambi di favori, è pronto ad affidare agli elettori la soluzione di questioni anche di grande importanza e si dimostra  moderno ed affidabile.

Altri si ostinano a chiudersi in fortini blindati, vietati ai non fedelissimi, nei quali decidere in ostinata solitudine e dai quali far trapelare di volta in volta quello che più conviene; un vecchio modo di fare politica che il nostro Partito ha definitivamente ripudiato.

L’Assemblea  ha approvato la proposta finale che ho presentato, in coerenza con gli impegni assunti a livello provinciale tra i partiti della coalizione “Italia Bene Comune”,  di concentrare la massima attenzione sulle elezioni politiche.

Non si è deciso di non decidere, come qualcuno ha cercato di sostenere.

Si è invece definito un percorso chiaro e condiviso, discusso e approvato alla luce del sole, lontano da proclamazioni autoreferenziali, assistito da indiscutibili elementi di partecipazione e democrazia, che unisce il Partito e lo rende ancora più forte e competitivo per le prossime consultazioni elettorali.

In questa fase il P.D. sarà ancora impegnato a provare di riaprire un “vero” dibattito tra partiti e movimenti, a ricercare una sintesi tra i candidati,  a realizzare una forte coalizione di centrosinistra.

Venerdì 25 abbiamo presentato alla città la proposta del PD Nazionale per il Governo, proposta che ha visto a Conversano la presenza di Adalisa Campanelli, Antonio Decaro, Vito Antonacci e Nicola Latorre.

Anche in questo caso, come nostro costume, abbiamo invitato non solo la cittadinanza ma anche i partiti della nostra area, coinvolgendoli nel dibattito che è seguito alla presentazione di larghe parti della proposta del PD.

Per questo siamo certi che i cittadini, coinvolti attivamente nel dibattito e nella partecipazione alle soluzioni  sui temi cruciali  del lavoro e dello sviluppo, della questione morale, del futuro delle giovani generazioni, del sistema di tutela e protezione delle fasce più deboli, sapranno apprezzare la differenza, valutare e scegliere consapevolmente.

Ora dobbiamo intensificare la nostra azione, consapevoli che le scelte fatte in nome dell’unità del partito superano personalismi e leaderismi; quindi, con buona pace dei critici a prescindere, non discutiamo di nomi, ma di programmi, progetti, etica amministrativa.

Il nostro calendario è pragmatico e realistico.

E dunque se ci sono –e non ne ho alcun dubbio che sia così-  le volontà di tutti, si potrà chiudere il grosso della proposta (programma ed etica amministrativa) in tempi rapidi ed utili per tentare una sintesi tra i candidati sindaci dell’area di centro sinistra ovvero, ed è la nostra scelta prioritaria, per scegliere il candidato sindaco con il democratico sistema delle primarie di coalizione  almeno due mesi prima del voto.

 

 

 

Commenti 

 
#3 Platone 2013-02-03 19:00
Io credo che sia una situazione unica in Italia; un segretario che in quatto anni ha sfaldato il PD e continua imperterrito a stare al PROPRIO posto, nel senso del possesso.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 redjoe 2013-02-03 18:16
Auguri, si spera di condividere.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 orso bruno 2013-01-31 12:57
Finalmente una bella notizia! Si sente che arriva la primavera. E' finito il letargo. Certo il PD ha dormito quattro anni ed ora deve essere proprio fresco e riposato per affrontare le prossime battaglie con quello spirito di servizio, di trasparenza, di partecipazione che lo hanno sempre contraddistinto. La cosa peggiore della propaganda è dover mentire a se stessi...
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI