Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

Rivoluzione Civile, Antonio Ingroia a Bari

antonio ingroia

Giovedì 14 febbraio, alle ore 18.30, presso l’Hotel Excelsior di Bari, sito in via Petroni n.15, il Dott. Antonio Ingroia, incontra i cittadini in un pubblico convegno.

Nell’occasione, saranno illustrati i punti portanti del programma della Lista Rivoluzione Civile e alla luce del dettato costituzionale, le linee fondamentali del progetto per costruire insieme una nuova Italia.

Il Paese che Rivoluzione Civile ha in mente è un’Italia dalla faccia e dalla coscienza “pulita”, una Nazione che si liberi dalle “mafie” e dal malaffare ormai dilagante non solo nei sobborghi più degradati, dove solo la restituzione dei diritti (in primis del lavoro e della salute) e, quindi, la resa ai cittadini meno abbienti della loro dignità da troppo tempo calpestata, può privare la criminalità del suo potere costruito sull’intimidazione e sulla miseria; ma sempre più radicato nella politica e nell’economia.

Rivoluzione Civile vuole lottare per un’Italia più giusta, per rilanciare l’economia anche redistribuendo il peso della tassazione che oggi più che mai opprime famiglie e piccole e medie imprese che costituiscono il vero tessuto produttivo del bel Paese; vuole che la nostra Nazione diventi protagonista negli scenari internazionali anche attraverso la promozione e la valorizzazione dell’ambiente, della cultura e della ricerca e non da ultimo per l’impegno sempre attivo a favore della pace e del disarmo.

All’evento, che assume particolare importanza per i temi che verranno affrontati ed in vista dell’imminente tornata elettorale, si auspica una forte partecipazione della cittadinanza, di quella “società civile” che costituisce il cuore e la forza del nuovo soggetto politico, aggregatosi intorno alla figura del celebre ex p.m., e che compie in sé la sintesi perfetta tra “buona” politica e società attiva.

Il cambiamento parte da noi, e insieme possiamo tessere la tela di un Italia onesta e priva di caste!

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI