La replica del commissario Ubaldo Pagano

partito democratico_simbolo_640_x_300

"Il PD ha il dovere di farsi portabandiera di una proposta programmatica ambiziosa, in grado di restituire a Conversano quel protagonismo sociale, economico e culturale perduto in cinque anni in cui l'amministrazione di centrodestra si è distinta solo per un colpevole immobilismo". Ubaldo Pagano, commissario del Pd di Conversano invita le forze politiche che hanno a cuore il rilancio di Conversano "a condividere idee concrete e mirate, che non si pongano come mero obiettivo quello di vincere le elezioni, ma soprattutto di convincere la cittadinanza sulla necessità di una svolta che non può essere più prorogata".

"La settimana prossima - prosegue Pagano - convocheremo i partiti e le forze politiche del centrosinistra conversanese, per un incontro aperto a chiunque abbia voglia e coraggio di intraprendere un percorso nuovo, di cambiamento e di rottura rispetto al recente passato, per discutere senza preclusioni dei progetti da mettere in campo per la città, per ascoltare e confrontare le proposte già elaborate. A quell'incontro, con la massima trasparenza il PD parteciperà con pochi, ma fondamentali capisaldi, che costituiranno la carta d'identità con cui ci proporremo quali generosi facilitatori della costituenda coalizione. Intendiamo aprire da subito un confronto con i cittadini, attraverso iniziative con la gente e fra la gente. Chi vuole governare con buon senso Conversano, difatti, non può e non deve prescindere dal prezioso e fondamentale contributo dei conversanesi. Una modalità d'azione che deve diventare una prassi quotidiana per chi intende dare vita ad un'amministrazione efficiente e non il semplice trampolino per futili promesse elettorali che lasciano il tempo che trovano".

"Affinché ciò accada - chiosa Pagano - siamo chiamati a trasmettere un segnale inequivocabile di unità e di coraggio, sorretto dalla competenza di chi ritiene di poter dare risposte serie a problematiche annose come la crisi del commercio e dell'artigianato locale, l'emergenza ambientale di cui la discarica rappresenta un esempio lampante, l'occupazione legata alle crescenti difficoltà dell'imprenditoria locale e un moderno sistema di servizi sociali".

“Compattezza e serenità – aggiunge infine Pagano – devono contraddistinguerci in questa nuova fase che si è inaugurata qualche giorno addietro. Il Pd di Conversano deve superare di slancio atteggiamenti fuori dalle righe, direi quasi schizofrenici, di cui si manifestano alcuni impropri rigurgiti. Atteggiamenti che certo non giovano all’immagine del Pd e del progetto che stiamo provando a mettere in campo, lavorando in un clima di assoluta distensione e trasparenza. Ad esempio vorrei ricordare – conclude il vice-segretario provinciale del Pd – che, a seguito di una riunione del direttivo allargato tenutasi nel circolo locale lo scorso 27 febbraio, fu lo stesso Segretario del Circolo a comunicare alla segreteria provinciale la propria volontà alle dimissioni. E che la stessa segreteria provinciale, anche in quella circostanza, non ha mai assunto posizioni affrettate, ma si è premurata di convocare un’assemblea per cogliere meglio il malessere che emergeva. A tal proposito mi sento di rimarcare la mancanza di senso del collettivo dimostrata condividendo con i mezzi di comunicazione questioni che riguardano essenzialmente aspetti organizzativi della vita di un partito, e correndo il fondato rischio di entrare, in tal modo, nel merito di questioni di carattere personale”.