Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Conversano: il centro anziani chiede sostegno alla comunità

Conversano- centro anziani

La fondazione “Il vivere insieme” ha realizzato un centro anziani a Conversano. Il centro anziani conversanese su 4 piani è dotato di 78 posti letto, saloni, palestra, cucina, riabilitazione, cappella, confort, lavanderia. Il centro anziani ha una superficie di 4 mila metri quadrati. Il pensionato ha una dotazione completa dei servizi necessari agli anziani.

L’appello disatteso dai conversanesi

La fondazione “Il vivere insieme” aveva in programma di aprire la struttura il 26 luglio. Il centro anziani tuttavia mancava dell’arredamento. La fondazione “il vivere insieme” ha lanciato un appello alla cittadinanza conversanese per contribuire con donazioni all’arredamento del centro anziani. L’appello della fondazione “Il vivere insieme” è stato disatteso dai cittadini conversanesi.

L’impegno della Fondazione “Il vivere insieme”

La fondazione “Il vivere insieme” ha portato avanti il progetto di realizzazione del centro anziani. Il gruppo dirigente della fondazione ha superato ostacoli di carattere finanziario, tecnico, amministrativo, relazionale, sociale.

Il rinnovo dell’appello alla contribuzione libera

La fondazione “Il vivere insieme” chiede ai cittadini conversanesi di contribuire alla realizzazione del centro anziani. Il pensionato anche se amministrato da un soggetto di diritto privato svolge una funzione pubblica nell’interesse dei singoli e della comunità. La contribuzione mancata dei cittadini alla realizzazione del pensionato potrebbe comportare un aumento del costo della retta per gli anziani. Il centro anziani della fondazione “Il vivere insieme” è costruito con un sussidio del comune pari a 400 mila euro. La fondazione ha offerto al comune di Conversano servizi per gli anziani per un valore di 513 mila euro in un periodi di 13 anni. Per contribuire mandare un bonifico all’Iban seguente: IT 37 4085 0341 4600 0000 2001 186.

L’invecchiamento della popolazione mondiale

La popolazione mondiale è oggetto di invecchiamento. L’invecchiamento di parti consistenti della popolazione mondiale è un fenomeno nuovo di portata epocale. Il capitalismo, il mondo occidentale, l’equilibrio delle forze economiche globali possono reagire in modo brusco all’invecchiamento della popolazione anche con un decadimento complessivo del tasso di crescita del valore aggiunto ed una regressione degli stili e degli standard di vita. La dimensione del fenomeno dell’invecchiamento impone non solo ai governi, ma anche ai privati, alle comunità, ai singoli ed ai gruppi associati di realizzare delle politiche economiche, delle istituzioni, delle organizzazioni a fondamento istituzionale, dei trust proprietari e finanziari volti a garantire agli anziani un tenore di vita elevato nell’esercizio dei diritti garantiti dalla Costituzione e dagli organismi internazionali.

I dati sull’invecchiamento della popolazione in Italia

Il numero di italiani con una età superiore ai 60 anni è stato pari a 16,7 milioni nel 2014 secondo HelpAge International. La percentuale di italiani con una età superiore a 60 anni è stato pari al 27,4% nel 2014. La percentuale di persone con età superiore ai 60 anni sul totale della popolazione è destinata a crescere in Italia passando dal 27,4 % (2014) al 34,6% (2030) al 38,7% (2050). L’Italia è al 39° posto per le politiche economiche in favore degli anziani secondo la classifica di HelpAge International. Quasi tutti i paesi europei hanno delle politiche economiche per gli anziani migliori dell’Italia. Le politiche economiche sanitarie italiane sono buone con riferimento agli anziani. Le politiche economiche del sostegno del reddito degli anziani in Italia hanno una efficienza bassa. Le politiche economiche volte all’incremento delle abilità degli anziani hanno livelli bassi in Italia. Le politiche economiche italiane dell’occupazione degli anziani producono risultati scarsi. Le politiche economiche dell’educazione della terza età hanno un valore aggiunto prossimo a zero in Italia. 

Un occidente invecchiato

Il numero degli anziani è destinato a crescere in Italia e nel mondo occidentale. E’ difficile prevedere gli effetti dell’invecchiamento della popolazione sul grado di civilizzazione, di crescita economica, di libertà civile. Gli enti pubblici al servizio dei cittadini e in grado di guidare la popolazione verso un percorso di crescita e sviluppo possono implementare delle politiche economiche volte all’incremento dei servizi sanitari, finanziari, sociali, occupazionali, educazionali per gli anziani anche attraverso la collaborazione con enti privati e civili. 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI