Mercoledì 17 Ottobre 2018
   
Text Size

Conversano: il comune presenta l’asta per i lotti della zona Pip

Comune di Conversano

Il comune presenta l'asta per i lotti nella zona PIP. Il bando risulta essere gravoso per gli imprenditori.

Il comune può incentivare l'installazione di imprese produttive anche grazie alle nuove tecnologie . 

 

Il comune di Conversano ha dato origine ad una asta per i lotti della zona Pip. L’asta è stata disposta nell’attuazione della direttiva n. 1570 dell’11 novembre del 2015. Il comune di Conversano nel mettere all’asta i beni è manlevato da pregiudizi di diritto o di fatto gravanti sui lotti. L’emittente il bando fa ricadere sull’acquirente il lotto il rischio della condizione di integrità giudica e materiale della res oggetto della gara. I partecipanti potenziali al bando possono essere scoraggiati dall’esonero del Comune dinanzi al pregiudizio giuridico e di fatto presente nel lotto acquisito. L’acquirente rilevante il pregiudizio avrebbe l’unica chance di adire le vie della giustizia con costi e tempi lunghi.

L’importanza della Zona PIP. L’incremento del valore aggiunto prodotto dalla per le attività produttive avviata è fondamentale per la crescita economica, civile e culturale di Conversano. Nelle economie moderne evolute il prodotto interno lordo è generato dal settore dei servizi e dalla manifattura. La presenza di imprese artigianali può consentire di creare un ambiente favorevole rispetto alla crescita di un settore industriale a Conversano. La manifattura contemporanea nelle connessioni con l’innovazione tecnologica consente di realizzare impianti anche di produzione industriale con costi ambientali bassi e ad elevata redditività. Le imprese con elevata tecnologia sono sostenibili in termini di costo ambientale, in grado di competere in un contesto internazionale e capaci di assorbire il capitale umano qualificato presente. Il comune di Conversano può incentivare l’installazione di imprese nuove a carattere tecnologico per incrementare il valore della produzione. Lo sviluppo di una politica economica comunale in grado accogliente nei confronti degli investimenti delle imprese ad alta tecnologica può consentire di incrementare il PIL, ma anche di creare un ordinamento economico orientato alla virtù della produzione ad alto livello di capitale umano. Il Comune può migliorare l’offerta di servizi alle imprese sostenibili e con finalità sociali anche con delle importanti ricadute anche sul benessere pubblico anche attraverso sovvenzioni dirette per le start up. La promozione della crescita delle imprese produttive può avvenire anche con il coinvolgimenti di altri enti sia pubblici che privati, come ad esempio la città metropolitana di Bari, la Regione Puglia, altre municipalità anche con progetti mirati a creare aree di eccellenza, veri e propri comparti tecnologici innovativi. La presenza a Conversano di un capitale umano formato anche nelle nuove tecnologie può portare alla creazione di un settore competitivo a livello internazionale in grado di produrre valore aggiunto nel rispetto della sostenibilità e della tradizione culturale.

Le politiche economiche conversanesi per gli insediamenti produttivi alla luce dell’art. 41 della Costituzione. L’art. 41 della Costituzione al primo comma dispone: “L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali”. Il comune di Conversano può partecipare ad un processo volto al riconoscimento della libertà dell’iniziativa economica privata attraverso la predisposizione di bandi semplificati per l’accesso alle aree produttive, e attraverso la creazioni di reti di imprese e di controlli produttivi per orientare le imprese alla partecipazione al benessere collettivo. I diritti di proprietà, la libertà di fare impresa hanno assunto il valore di diritti e libertà fondamentali. L’amministrazione comunale può favorire la creazione di un tessuto produttivo innovativo anche attraverso la scelta delle produzione in collaborazione con le associazioni di categoria e con attenzione alla condizione lavorativa e reddituale dei conversanesi. La presenza di imprese a Conversano testimonia la bontà del lavoro fatto. Le nuove tecnologia aprono degli scenari nuovi per le imprese con la definizione di aree di rendimento crescente disponibili e sfruttabili attraverso politiche economiche partecipate da imprenditori, banche, policy makers e cittadini. 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI