Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

Conversano: Ranieri e Violante pongono delle questioni a Di Capua

COnversano- Pensare democratico Conversano

 

I pensatori democratici chiedono trasparenza. Il sito del comune può essere migliorato.

 

Alfredo Violante e Rino Ranieri hanno scritto una lettera per porre delle questioni nei confronti di Di Capua comandante della polizia municipale di Conversano. Violante e Ranieri criticano Di Capua per avere mancato la risposta sia alle domande relative alla predisposizione della gara d’appalto per il piano del traffico sia ai chiarimenti chiesti per l’incremento della trasparenza informatica del sito istituzionale. Ranieri e Violante hanno scritto una lettera in cinque punti argomentati. Ranieri e Violante iscritti al partito democratico operano anche con l’organizzazione “Pensare Democratico Conversano”.

 

Ranieri e Violante invitano di Capua a verificare le metodologie utilizzate per la determinazione dei prezzi a base d’asta.  Violante e Ranieri fanno notare al comandante di Capua l’ammontare del prezzo a base d’asta per l’aggiudicazione della gara per la realizzazione del piano per il traffico. Il prezzo a base d’asta è pari a 75.000,00 euro come risultante dai documenti ufficiali prodotti dal comune di Conversano. Il prezzo per di aggiudicazione della gara per la realizzazione del piano per il traffico è pari a 36.000,00 euro. Il ribasso realizzato è pari al 52% del prezzo iniziale. Violante e Ranieri chiedono a Di Capua di prendere in considerazione l’ammontare del ribasso per una valutazione della consistenza del prezzo di base proposto. I pensatori democratici nella lettera scritta riportano i dati dell’OICE relativi al ribasso medio italiano pari al 29,9% nel 2014. Il ribasso praticato nell’aggiudicazione è superiore di 22,1 punti percentuali alla media italiana secondo l’OICE. Violante e Ranieri chiedono a Di Capua di svolgere una «verifica interna [...] per verificare come vengono determinati i prezzi a base d’asta».  

 

Il prezzo a base d’asta pari a 75.000,00 euro è ridotto a 59.000,00 euro nella sintesi pubblicata sul sito del Comune di Conversano. Ranieri e Violante chiedono al dott. Di Capua di spiegare come mai il prezzo a base d’asta per l’aggiudicazione è ridotto a 59.000,00 euro nel documento di sintesi pubblicato sul sito del Comune di Conversano. La documentazione prodotta dal comune di Conversano appare carente e priva di coerenza con riferimento al prezzo a base d’asta.

 

Ranieri e Violante chiedono la pubblicazione dei verbali di apertura dei plichi di offerta e di svolgimento delle sedute di commissione di gara. I pensatori democratici conversanesi chiedono maggiore trasparenza nella pubblicazione degli atti relativi all’assegnazione dei bandi. Violante e Ranieri chiedono a Di Capua di considerare la pubblicazione dei verbali sia di commissione che di apertura dei plichi necessari per il conseguimento di un livello alto di trasparenza dell’amministrazione comunale. L’e-government richiede anche la pubblicazione dei verbali per consentire ai cittadini di prendere consapevolezza dei meccanismi decisionali dell’ente comunale.

 

I pensatori democratici chiedono a Di Capua di incrementare l’efficienza informativa del sito istituzionale del comune di Conversano. Ranieri e Violante chiedono di efficientare il sistema di ricerca dei bandi del sito istituzionale del Comune di Conversano. L’indicizzazione interna del sito è priva di efficacia. Le ricerche delle parole chiave producono risultati fuorvianti e privi di attinenza con la domanda performata. Il sito istituzionale di Conversano ha margini di efficienza da ottimizzare.

 

La trasparenza bene pubblico. Ranieri e Violante ritengono necessario incrementare la trasparenza dell’ente comunale per conentire ai cittadini di trovare le informazioni richieste. L’e-government è uno strumento per migliorare la capacità prestazionale dell’ente comunale nel produrre servizi e beni per i cittadini e nel favorire il dialogo e il dibattivo volto a tutelare il bene pubblico. I sistemi di e-government sono utilizzati anche alla realizzazione della sussidiarietà e dell’amministrazione partecipata.

 

Il testo della lettera scritta da Violante e Ranieri.

Il testo della lettera scritta da Violante e Ranieri è riportato di seguito:

«Vogliamo ringraziare il dott. Di Capua che ha replicato alle nostre osservazioni, ma, contemporaneamente, rileviamo che non sono state fornite risposte agli interrogativi che abbiamo posto e che, evidentemente, sono risultati poco chiari, tanto che li riproponiamo sinteticamente:

1.     Il prezzo a base d’asta per l’aggiudicazione della gara per il piano del traffico è di 75mila euro come riportato nei seguenti atti, pubblicati sul sito istituzionale del Comune: a) Avviso pubblico d’indizione della gara senza data firmato dallo stesso dott. Di Capua, b) Disciplinare della gara non firmato per l’affidamento dell’incarico, c) Determinazione area vigilanza del 28 agosto 2014 sempre a firma Di Capua, d) Determinazione area vigilanza del 31 agosto 2013 a firma D’Attoma. Tutto ciò premesso, il dott. Di Capua ritiene che sia del tutto normale una riduzione del 52% del prezzo a base d’asta da parte del vincitore? Cioè è normale che il Comune si dichiari disposto a spendere oltre il doppio (75mila euro) del prezzo di aggiudicazione (36mila) per la fornitura di un servizio? Considerato che il ribasso medio calcolato dall’OICE per il 2014 nel nostro Paese è del 29,9% rispetto al prezzo a base d’asta, ritiene che possa essere opportuna una verifica interna a scopo conoscitivo nella sua area per capire come vengono determinati i prezzi a base d’asta?

2.     Il dott. Di Capua vuole cortesemente spiegare la ragione per la quale l’importo a base della gara, determinato in 75mila euro nei documenti sopra indicati, si riduce improvvisamente a circa 59mila euro nel documento di sintesi dello svolgimento del bando pubblicato sul sito istituzionale del Comune?

3.     Premesso che nel sito istituzionale del Comune non sono pubblicati né i verbali di apertura dei plichi di offerta né lo svolgimento delle sedute di commissione di gara, il dott. Di Capua ritiene che tra gli atti da pubblicare in nome della trasparenza e della correttezza amministrativa ci siano anche quelli? Se no, perché?

4.     Il dott. Di Capua ritiene che sia corretto l’attale modello di ricerca dei bandi di gara nel sito istituzionale del Comune, visto che essi sono (quanto meno) malamente indicizzati nel motore di ricerca interna tanto che digitandovi “bando piano traffico” o “piano traffico” l’unico documento proposto con qualche attinenza è quello relativo al censimento e manutenzione della segnaletica stradale?

5.     Noi riteniamo che impegno di una qualunque amministrazione pubblica in materia di trasparenza sia quello di facilitare la ricerca di notizie e non di renderlo difficoltoso e incerto per il cittadino. E questa esigenza riguarda n non solo il piano urbano per il traffico, ma anche altre importanti iniziative. Ad esempio, qualcuno ha notizie del piano di zonizzazione acustica?

 

Alfredo Violante

Rino Ranieri

Pensare Democratico

 

Conversano»

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI