Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

ELVIRA CON "SILVIO PER IL NOBEL"

berlusconi
Un premio Nobel per la Pace a Berlusconi dopo quello assegnato qualche giorno fa a Barack Obama? Ci stanno seriamente pensando i creatori del sito www.silvioperilnobel.it, un comitato nato sulla rete che proporrà il prossimo 16 gennaio la candidatura al prestigioso riconoscimento del presidente del Consiglio dei Ministri.

Il comitato è stato costituito il 30 aprile da alcuni sostenitori romani, perlopiù avvocati della capitale, con l’obiettivo di “sconfiggere l’Hiroshima culturale che sta minando alla base i nostri valori morali, la pace ed il sistema economico, politico e culturale, e per candidare Silvio Berlusconi al Premio Nobel per la Pace”. Il gruppo, denominato Comitato per la Libertà, ha tentato invano di presentare la candidatura per il 2009, e adesso riproporrà il nome di Berlusconi il prossimo 16 gennaio, alla commissione Nobel norvegese.

Vi proponiamo un altro passo della lettera di apertura presente nella home page del sito: “Il Premio Nobel per la Pace non è mai stato assegnato ad un italiano dal 1907 ad oggi. È finalmente venuta l'ora di sfatare un tabù che dura da più di cento anni, ovvero da quanto nel 1907, ad aggiudicarselo fu Ernesto Teodoro Moneta. Alla corsa per l'ambito riconoscimento si sono succeduti, in questi anni, numerosi politici e capi di Stato, tra i quali potremmo citare, Yasser Arafat, il presidente della Corea del Sud, Kim Dae-Jung, l'ex presidente americano, Jimmy Carter,  Al Gore e, nel 2009 Barak Omama, [scritto proprio così, ndr] al quale rivolgiamo i nostri più sentiti auguri.  Oggi crediamo che, anche, l'Italia meriti di ricevere tale riconoscimento, e di essere degnamente rappresentata da Silvio Berlusconi, per il suo indiscusso impegno umanitario in campo nazionale ed internazionale”.

Al comitato sono pervenute le convinte adesioni di personalità importanti del panorama istituzionale, a livello nazionale e locale, tra i quali spiccano anche il nome del sen. Giuseppe Ciarrapico e quello dell’on. Salvatore Tatarella, assieme ai sindaci di Fasano e Francavilla Fontana, Lello di Bari e Vincenzo della Corte, e anche alla nostra parlamentare, Elvira Savino.

Voi cosa ne pensate?

Commenti 

 
#9 L4c4p4g1r4 2009-10-23 04:09
TeleRatto, secondo il Nobel Saramago (e anche telerattuso se avete mai sentito le intercettazioni dove parla con dell'Utri delle donnine del DriveIn).

Quanto all'on. sagrestana della ciliegia, trattasi di una banale PR di successo, miracolata, per rimanere nella metafora zoologica, da una porcata (nel senso della legge, secondo il suo proprio estensore, già sposo secondo rito celtico nonchè premiato dalle alte gerarchie cattoliche, hai presente quei porporati della cosca vincente che han passato a Feltri la velina per punire Boffo?)

A quando un nuovo comitato per il Nobel dell'economia (sommersa e criminale) per il contributo decisivo alla prosperità di malavita e grandi evasori elargito attraverso lo Scudo Fiscale 2009 ?
www.youtube.com/watch?v=Iw8vL-z2pp8
Poi dicono che alla famigghia non pensa nessuno...

Baciamo le mani
Segnala all'amministratore
 
 
#8 danielepasquale5@gmail.com 2009-10-22 22:45
berlusconi può candidarsi al telegatto, all'oscar, al nobel, alla presidenza degli usa, ad andare su marte, ad essere il più odiato e amato, ... Tutto quello che vuole è alla sua portata. Il mondo, si sa, é dei gggiovani! Che la bella elvira,poi, si dimostri prodiga verso le umanissime e modeste aspirazioni di Sua Emittenza, non deve meravigliare. Hanno alzato la soglia dell'età pensionabile anche per le donne e lei é ancora gggiovane. Avrà tempo e modo per dimostrare altre eccelse qualità che, oggi, la modestia insita nel suo tacco 14, non lascia ben trapelare.
Segnala all'amministratore
 
 
#7 L4c4p4g1r4 2009-10-19 04:05
ooops

Segnala all'amministratore
 
 
#6 L4c4p4g1r4 2009-10-19 04:04
Intanto aprirei una sottoscrizione per regalare all'onorevole un paio di queste:
cn1.kaboodle.com/hi/img/b/0/0/4f/8/AAAAC6UiWNIAAAAAAE-G4A.jpg?v=1243639065000
Segnala all'amministratore
 
 
#5 L4c4p4g1r4 2009-10-17 04:03
Un Nobel a Berlusconi:
parte prima www.youtube.com/watch?v=MchHXjZ6N6c
parte seconda www.youtube.com/watch?v=j8M7Y4X4sUU
Segnala all'amministratore
 
 
 
 
#3 Gianvito_Fanelli 2009-10-15 05:50
STANATELA. FATE QUALCOSA. RINCHIUDETELA. CHE QUALCUNO CI SALVI. SUBITO. VI PREGO. ADDIO. BANG. MORTO. ANZI. NO. PURTROPPO. E' UNO SCHERZO? MACCHE'. E' LA REALTA'. AIUTO. AIUTO. AIUTO.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 L4c4p4g1r4 2009-10-15 03:01
Che genio in fuseaux! Che acume!
Ma cos'ha (fatto) meno delle altre pidielline per non diventare ministro o almeno sottosegretario?

Plaudiamo alla grande idea: vogliamo il primo nobel piduista italiano
e, mi raccomando, Milingo I papa nero, Pinochet santo subito.
Pronto l'inno (qui in una cover degli EeLST): www.youtube.com/watch?v=zS4HeAtRieM

Se interessa cosa ne pensa un vero laureato, leggere questa intervista
temi.repubblica.it/micromega-online/i-nuovi-fascismi-mascherati-e-la-sinistra-smarrita-dialogo-tra-paolo-flores-darcais-e-jose-saramago/
Il libro è stato rifiutato dall'Einaudi per non creare un dispiacere al principale

Modesta proposta: promettiamo di appoggiare tutti la candidatura, se l'on. tacco 14 s'impegna a dare una mano al suo presidente a rinfrescare la memoria e rispondere alle famose 10 domande.

Segnala all'amministratore
 
 
#1 danielepasquale5@gmail.com 2009-10-15 01:03
il nobel per la pace lo darei alla savino! Le motivazioni sono tante: è giovane e bella; ha un "curriculum" di tutto rispetto; ha dimostrato ampiamente, con la sua attività parlamentare, di non essere una meteora ( e neanche una "meteorina"!); é l'esempio vivente del fatto che il valore vero non ha prezzo, ma viene deprezzato a vantaggio del "nulla"; non ha alcuna amicizia compromettente; dice cose intelligenti ma nessuno ci fa caso; non ama apparire ma rimane impressa; vive nell'ombra ma é abbronzata; ha lo sprint giusto ma non serve che corra; ecc.
Cosa ha più di lei Berlusconi? Colui che ama veramente la "sua" pace e lo dimostra annientando ogni opposizione ad essa? Se nessuno lo attacca, lui non odia, non recrimina, non accusa. Abbozzare non fa parte della sua cultura. E' capace di amare, profondamente, intensamente, ... instancabilmente. Lo sanno Napolitano, i giudici della Consulta, i poveri estinti comunisti, gli immigrati rispediti nelle grinfie del fratello Gheddafi, i pacifisti di genova massacrati nelle scuole, Santoro, la Dandini, la bindi, la libertà di stampa, ...ecc.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI