Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

GENTILE: "UDC CENTRO VIVO"

pasqualegentileegiuseppelovascio
“Vogliamo fare dell’Udc un centro vivo e di peso”. La dichiarazione di Pasquale Gentile, presidente del consiglio comunale e segretario cittadino dello scudocrociato, lascia poco adito ad interpretazioni. Ne abbiamo approfittato per parlare con lui di politica, e della posizione del partito nell’ambiente politico conversanese e non.

Presidente Gentile, in questo periodo l’Udc, in consiglio comunale, è ferma sulle sue posizioni.
“Stiamo perseguendo nella nostra linea di opposizione tenace alla maggioranza di centrodestra. L’unico punto di contatto con l’amministrazione è stato quello relativo a qualche tempo fa. Fummo personalmente avvicinati dal sindaco Lovascio che ci propose di far parte di un governo ‘allargato’. Le nostre condizioni riguardavano l’azzeramento almeno formale della Giunta comunale e la possibilità di stilare un miniprogramma da rispettare”.

In che senso parla di azzeramento formale?

“Nella misura in cui dopo aver proceduto all’azzeramento, il sindaco avrebbe potuto anche riconfermare qualcuno dei suoi assessori precedenti, se ritiene che essi abbiano operato bene. È chiaro che per il nostro paese serve gente competente e di qualità, ed è questo che abbiamo chiesto a Lovascio”.

Se adesso il gruppo Udc è saldamente all’opposizione evidentemente le avances del primo cittadino non hanno sortito gli effetti consequenziali. Le minoranze intanto avevano predisposto un coordinamento alternativo. Come stanno andando le cose?
“Il discorso che avevamo portato avanti con tutti i gruppi consiliari che non sono in maggioranza procede, in un certo qual modo. Il gruppo Udc sta riscontrando una certa condivisione delle problematiche soprattutto da parte de Il Centro e di Città Viva”.

E il Pd?
“Il Partito Democratico è una forza importante della opposizione anche se è palese che in alcuni momenti, un paio di consiglieri di questo partito stanno assumendo atteggiamenti poco chiari in consiglio comunale, nei confronti della maggioranza. Comunque l’idea di coordinare le opposizioni consiliari c’è, e rimane sul tavolo quanto ci siamo detti finora”.

Mentre la città si interroga sul proprio destino e il consiglio comunale rimane sempre sotto i riflettori, c’è comunque una certa aspettativa nei confronti della corsa alle elezioni regionali. Qual è l’orientamento della segreteria che lei regge in qualità di coordinatore politico del partito?

“Noi ci stiamo impegnando per allargare la base di partecipanti, a breve apriremo con dei manifesti la campagna di tesseramento per l’anno 2010. Per le elezioni regionali la nostra scelta è quella di aver proposto, da tempo, Saverio Di Palma quale candidato consigliere. Il 13 e 14 novembre prossimi ci saranno gli stati generali regionali della nostra formazione politica, a Bari. Sarà l’occasione per appuntare un po’ il morale e prepararlo alla sfida di un centro vivo e con tantissimo peso politico”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI