Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

APPELLO PER LE PRIMARIE DI DOMENICA

primarie-boccia-vendola-24_gennaio_2010

DIAMO IL GIUSTO VALORE ALLE PRIMARIE DEL 24 GENNAIO 2010

Apulian Democratic Volunteers

NEL PD LA SOVRANITA' E' DEGLI ELETTORI E NON SI TORNA INDIETRO SENZA DISTRUGGERE LO STESSO PARTITO

Noi, in quanto parte del gran numero di “elettori ed iscritti” del PD di Puglia, apprendiamo con soddisfazione che l’Assemblea dei Delegati da noi eletti ha finalmente ristabilito la nostra sovranità. Infatti, nello Statuto del PD del 16 febbraio 2008 sia gli iscritti sia gli elettori sono indicati dall’art.1 come parte costituente dello stesso, affidando pertanto ai soli elettori (al cui corpo partecipano ovviamente anche gli iscritti) “le decisioni fondamentali”, quali appunto “le scelte delle candidature per le principali cariche istituzionali”. Nel successivo art.2 “vengono identificati due soggetti della vita democratica interna: gli iscritti e gli elettori”, a questi ultimi riconoscendosi il diritto di “partecipare alla scelta dell’indirizzo politico del partito”.

LE PRIMARIE SI DEVONO SVOLGERE IN UN CLIMA DI LIBERTA' E CONFRONTO TRA TUTTI GLI ELETTORI ANCHE SE DI COALIZIONE

Da queste norme consegue che il prossimo 24 gennaio saranno gli elettori di Puglia del Partito Democratico a scegliere quale sarà il loro candidato per le Elezioni Regionali del 2010. Lo faranno, senza distinzione, insieme a tutti gli elettori che vorranno vedere le loro forze politiche di riferimento coalizzarsi alla nostra in un processo non semplice e non immediato, ma di cui il PD vuole essere il motore, che conduca quanto prima ad un “bipolarismo nuovo, fondato su chiare alleanze per il governo e non più su coalizioni eterogenee, il cui solo obiettivo sia battere l’avversario”, come scritto nel nostro Manifesto dei Valori.

LA SEGRETERIA REGIONALE HA SBAGLIATO A NON INDIRE SUBITO PRIMARIE E NON DEVE OGGI RIPETERE L'ERRORE MILITARIZZANDO IL VOTO SU UN CANDIDATO UNICO

I promotori della presente dichiarazione avevano in tempi non sospetti, già dal 10 novembre 2009, chiesto le Primarie, meglio se di coalizione, con una Lettera Aperta indirizzata al neo Segretario Regionale Sergio Blasi, perché si desse prova della novità politica che il PD vuole e deve rappresentare. Non possiamo pertanto che ribadire il grave errore compiuto dalla Segreteria del Partito in Puglia nel non aver scelto da subito le Primarie e nell’aver da sempre perseguito la linea del candidato unico, di Partito se non di coalizione, così espropriando l’unica fonte di sovranità che rimane, nei principi costitutivi del Partito Democratico, l’elettorato. Un candidato unico può esserci qualora non vi siano sfidanti. Nel caso delle Primarie di coalizione il nostro Statuto prevede che un iscritto possa candidarsi se riceve il 35% di firme dei Delegati e quindi vi possono essere sino a due candidati del PD in una competizione per le Primarie, anche se di coalizione.

I CANDIDATI DEL 24 GENNAIO SONO DUE PER TUTTI GLI ELETTORI ANCHE PER QUELLI DEL PD CHE NE DEVE USCIRE SEMPRE VINCENTE

Francesco Boccia ha ieri ricevuto il voto della maggioranza piena, mentre una minoranza dei Delegati si è astenuta non avendo una candidatura interna da contrapporre ma preferendo confermare per il secondo mandato il Presidente di Puglia, Nichi Vendola, della cui Giunta il PD è parte maggioritaria. Non è corretto pertanto proporre Francesco Boccia come unica opzione di voto per gli elettori del PD e soprattutto svilisce il senso delle Primarie. Se così non fosse, in caso di sconfitta del Candidato Boccia, l’attuale gruppo dirigente del PD pugliese dovrebbe dimettersi perché smentito dai suoi stessi elettori.

PER USCIRE SEMPRE VINCENTE IL PD DEVE RISTABILIRE UN RAPPORTO SANO TRA IL PARTITO E IL SUO ELETTORATO IN PUGLIA

Per questa ragione, nel breve tempo che ora ci separa dal 24 Gennaio, noi firmatari di questa dichiarazione ci impegneremo a fare di queste Primarie non uno scontro tra tifoserie già organizzate ma l’occasione per ristabilire un rapporto sano tra il Partito e il suo elettorato in Puglia. Lo Statuto dice che abbiamo “il dovere di favorire l’ampliamento dei consensi” (art.2 comma 6) e lo potremo fare anche grazie alla novità in Italia e in Europa del nostro progetto politico che delle Primarie fa l’elemento costitutivo e fondante del Partito. Per noi “iscritti ed elettori” del PD Francesco Boccia e Nichi Vendola partono entrambi come candidati meritevoli del nostro voto. Noi siamo chiamati a scegliere uno dei due senza logiche d’appartenenza perché in entrambi i casi sappiamo che vincente esce il PD, forza promotrice delle Primarie come luogo di sovranità popolare.

OCCORRE UNA MEMORIA CONDIVISA DEI MERITI E DEGLI ERRORI PER COSTRUIRE UN PATTO PROGRAMMATICO CON GLI ELETTORI

Allo stesso modo vogliamo appellarci ai due Candidati perché interpretino al meglio le Primarie come occasione di confronto sui programmi, sui loro contenuti, sugli strumenti che nella prossima legislatura s’intendono approntare per portarli a termine. Sarebbe indispensabile a tal fine giungere a una memoria condivisa sia dei risultati raggiunti nel Governo Regionale sia degli errori compiuti e dei condizionamenti subiti.

IL PRIMO ERRORE DA RIMEDIARE E' CHE IL PD DEVE DIVENTARE IL MOTORE DI UNA DEMOCRAZIA PARTECIPATA ED ORIENTARE LA PROSSIMA GIUNTA REGIONALE

A entrambi diciamo di non essere disposti a metterci in gioco solo per la tornata elettorale ma che pretenderemo, se come ci auguriamo saremo vincenti, d’essere chiamati nella prossima legislatura, in quanto iscritti ed elettori del PD, a svolgere con radicale differenza il ruolo di orientamento ed elaborazione delle scelte di governo partendo proprio da quegli strumenti della partecipazione popolare che lo stesso Statuto prevede, quali i Forum tematici, i referendum consultivi, gli stessi Circoli e le Associazioni tra iscritti ed elettori.





Commenti 

 
#2 L4c4p4g1r4 2010-01-21 22:47
Poli Bortone? e l'autorevole Attilio Romita che stanno per decidere a Roma dove lo mettiamo? (io avrei qualche idea...)
Uno che quando accade una disgrazia viene a vantarsi dello share del suo pseudo-tg zeppo di nostalgici del cinghialone (c) V. Feltri
www.youtube.com/watch?v=P2ccQd7770o
Segnala all'amministratore
 
 
#1 danielepasquale5@gmail.com 2010-01-21 13:27
Sono d'accordo! i tempi sono stretti e il candidato del PD non doveva essere unico. Boccia é stato già ... bocciato dall'elettorato pugliese. Speriamo che, chiunque vinca sia il candidato condiviso dall'intera sinistra. Peccato per l'udc poichè, visto che vincerà Vendola, appoggerà la Poli Bortone.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI