Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

IL PD DENUNCIA 'BUSINESS DEL FOTOVOLTAICO'

campo-fotovoltaico

“Circolano voci che sono in giacenza, presso l’Ufficio Tecnico del Comune e presso l’Assessorato alle Attività Economiche della Regione Puglia, richieste di aziende circa l’installazione, nel nostro territorio, di impianti fotovoltaici atti alla produzione e vendita di energia elettrica”. Così si apre il question-time, rivolto al Sindaco e all’assessore ai Lavori Pubblici, promosso dal capogruppo del PD Vincenzo D’Alessandro.

Secondo i dati raccolti da D’Alessandro, saremmo al business del fotovoltaico: “Più di settanta domande già presentate presso gli uffici competenti, e non si sa bene che tipo di impianti siano e dove verranno installati”. Insomma, anche una fonte d’energia alternativa, su cui tanto s’invita a investire, può trasformarsi in un problema se, a integrazione della legislazione nazionale e regionale, il Comune non si doti di un chiaro regolamento atto a disciplinare le localizzazioni degli impianti.

La preoccupazione è che si dia inizio a uno “sfruttamento disomogeneo e deturpante il territorio”, legittimando “speculazioni senza alcun ritorno per la nostra comunità”, il cui sviluppo è orientato verso “un’espansione turistico-rurale e agricola”. In sostanza, c’è il legittimo sospetto che i privati, allettati dai facili guadagni, cedano a cuor leggero ampie porzioni delle nostre campagne, senza tener conto delle ricadute sulle attività produttive, sulla tutela delle “zone di pregio” e sull’equilibrio dello stesso sviluppo del paese. Sospetto cui si aggiunge il timore che l’amministrazione, con il meccanismo del silenzio assenso, arrivi a “mettere tutti di fronte al fatto compiuto”. Il riferimento, neanche troppo implicito, è alle ultime controversie sul distributore di via Gobetti.

Il question-time, che doveva essere discusso nello scorso Consiglio Comunale, è stato ritirato per mancanza di tempo; si dovrà quindi aspettare fino alla metà di Aprile per avere delle risposte.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI