DOPO L'ASSESTAMENTO, GLI INVESTIMENTI: VIDEO

lovascio-sindaco

DOMANI IL CONSIGLIO COMUNALE SUL BILANCIO Qualche anticipazione sul documento di bilancio

In attesa del Consiglio comunale del 20 Aprile che, tra i tanti punti all’ordine, vedrà anche l’approvazione del bilancio, pubblichiamo un altro stralcio dell’intervista a Lovascio, in cui venivano – per l’appunto – fornite alcune anticipazioni sugli investimenti previsti nell’approvando documento finanziario.

Stando alle dichiarazioni del Sindaco, sarebbe arrivato il momento di raccogliere i frutti di un lavoro “durato più del previsto”, poiché “si è dovuto combattere con una macchina amministrativa che non aveva una dirigenza ed ha visto troppe volte alternarsi i capiarea”; sopratutto nei settori nevralgici come quello dell’Ufficio tecnico, laddove – si rincuorino i concittadini – dalla fine di Marzo è stato nominato il nuovo dirigente. Resta da chiedersi se sarà quello “giusto”, che accompagnerà la giunta fino alla fine del mandato. Il primo cittadino si dice, infatti, edotto oramai sull’elisir di lunga vita di un’amministrazione: “Dare continuità e incrementare il personale”; ma il patto di stabilità, finora, s’è messo di traverso ed ha complicato le cose.

È noto come, nel 2008, tale patto sia stato abbondantemente sforato. Lovascio, tuttavia, precisa che già a Maggio si era quasi oltre i limiti: “È bastato Giugno e Luglio per oltrepassare il tetto massimo di spesa, anche perché c’erano una serie di cantieri che andavano liquidati (Villa Belvedere e centro storico)”. Ne è derivato il giro di vite nella parte finale del 2008.

Alle lamentele dei suoi concittadini, il Sindaco replica spiegando che la riduzione degli investimenti è stata causata dalle spese effettuate negli anni precedenti, quando la sua maggioranza non si era ancora insediata: “Non rinnego gli investimenti fatti, potevano però essere organizzati in modo da non creare una concentrazione di spesa nel 2008”. Comunque, nessun problema per i conversanesi…“Chi ha pagato le conseguenze sono stati gli amministratori con la diminuzione del 30% dello stipendio per il 2009”.

A proposito di 2009, avendo sforato di poco il tetto stabilito, si è potuto investire una somma di circa 350 mila euro sul personale, rimpinguando in primis il corpo dei vigili urbani. Perciò, nell’anno di grazia 2010 – “Se non abbiamo sorprese” –  sarà possibile gestire un bilancio utile che offrirebbe ottime prospettive d’intervento in favore della città.

Insomma, dopo un periodo di assestamento, l’amministrazione si dice, al fine, in grado di fornire le prime risposte “concrete”: la progettazione della nuova zona annonaria, di quella artigianale e, presumibilmente, di quella industriale. Inoltre, la delibera per il prosieguo del Pug è già pronta e, il Sindaco si augurava potesse essere approvata a giorni. Non resta che aspettare.