Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

ROTUNNO: 'BISOGNA VOLTARE PAGINA'

gianluigi-rotunno

"LA RESPONSABILITA' POLITICA E' DI CHI HA GESTITO IN QUESTI ANNI IL PARTITO"

“Il congresso sezionale del Partito Democratico è l’occasione per voltare pagina”. Queste dichiarazioni di Gianluigi Rotunno sono un invito alla catarsi, alla riflessione interna. Al congresso di fine maggio il Pd rischia di presentarsi impreparato all'esame. E' un partito che non c’è: secondo Rotunno è “troppo distante dal territorio e” – rincara – “non bisogna andare sulla luna per capirlo”.

“La situazione è sempre la stessa - fa notare ai nostri microfoni il consigliere - Di solito i congressi sono l’occasione per poter voltare pagina. A Conversano penso che si debba voltare pagina più che in altri posti, perché è evidente che non abbiamo un partito vicino al territorio, che promuove attività politica. Il partito avrebbe bisogno soprattutto di questo. L’attività politica è il sale di un partito, non c’è un altro metodo, se non quello dell’attività e dello stare insieme alla gente, per parlare dei problemi della gente e poi trasferirli naturalmente a livello istituzionale”.

Cosa intende per voltare pagina? Si riferisce all’attuale direttivo? Alla segreteria di partito?

“No. Il punto è che in questo periodo evidentemente non c’è stata attività politica di partito. Voltare pagina non deve spaventare, anzi dovrebbe esaltare tutti coloro che stanno nel Partito Democratico, se in realtà poi si vuole continuare con questa formula e questo partito. Voltare pagina perché la città ha bisogno di un riferimento forte, credibile nel centrosinistra che, non dimentichiamo, è risultato vincitore alle elezioni regionali…”.

Sinistra e Libertà in particolare…

“Vincitore con Sel, Pd, Idv. Il centrosinistra a Conversano è maggioranza assoluta. Ha vinto alle scorse provinciali e alle attuali regionali.”.

Eppure i rapporti tra Pd e le altre forze del centrosinistra restano problematici.

“I rapporti tra Pd e gli altri partiti sono problematici nel senso che, in questo momento, non esistono. Non c’è solo un isolamento del Pd, ma un isolamento diffuso. Ognuno è un’isola felice, o infelice che dir si voglia. E comunque la cosa più importante da considerare è che ognuno fa per se, o meglio in questo caso ognuno non fa per se, nel senso che io non vedo attività e discussione politica e dibattito. Questo rapporto tra partiti manca perché non scendono e non escono dalle proprie sedi.”.

Lei fa parte di una corrente del Partito Democratico. Cosa non funziona nell’attuale dirigenza?

“Io sono un iscritto del PD, non ho gruppi organizzati, non c’è una corrente di potere ma di pensiero, e tutti coloro che condividono questo pensiero non sono iscritti al partito. Quindi in fondo la responsabilità politica è di chi, in questi anni, ha gestito e ha governato il partito. Non so come, penso sia sotto gli occhi di tutti, c’è qualcosa da fare. Ecco perché penso si debba voltare pagina. Il congresso è l’occasione giusta. Dobbiamo confrontarci con l’esigenza di coloro che danno credibilità e fiducia al centrosinistra, ma che vorrebbero essere rappresentati nel migliore dei modi.”.

Chi è la persona idonea a guidare il nuovo Partito Democratico?

“Non so chi possa essere…Mi auspico che la scelta vada su una persona esterna rispetto al solito ragionamento politico e non dettata dall’affermazione di coloro che hanno tessere, dei possessori di numeri. Non dobbiamo mai dimenticare che i numeri sono persone.”.

Si discute attorno alle mozioni da presentare al congresso?

“Non ne sento parlare. Per la verità non sento da nessuna parte né nomi né ragionamenti politici.”.

 

VEDI ANCHE IL SEGRETARIO RANIERI: 'LASCIO SOLO A PATTO CHE ...'

 

Commenti 

 
#23 Angelo Lorusso 2010-05-04 13:36
vabbè, sarà un mio limite, ma non è molto chiaro questo vomito di pensieri che hai buttato giù. Mi sembra che tu ti stia parlando un po' addosso ed andando leggermente oltre. Pensi addirittura a delle ipotetiche primarie, quando ancora non ci si è visti per parlare un po'.

Ora, parliamo di politica per favore, anzichè spalare sterco sul prossimo, perchè se la metti su questo piano, ci sono armadi pieni da cui attingere. Preferirei evitare.

Io nel partito sono molto presente, e non mi risultano atteggiamenti di chiusura di alcun tipo, e a tutto stiamo lavorando fuorchè all'individuazione di figure rappresentative. Le iniziative personali, restano a carico delle persone poi, e vanno dimostrate e argomentate.

Alla luce di ciò, per favore, lo dico a te come potrei dirlo a tanti, alza il livello del dibattito. Anzichè parlare di queste cazzate su attegiamenti e antipatie (che tra l'altro non so in che luogo abbiano avuto lo spazio di dimostrarsi, bah), parliamo di progetti.

Altrimenti, il dialogo è sterile, ed io non mi ci presto più.

Se ti va di parlare di politica vera, sempre a disposizione. Ma va bene anche solo berci una birra insieme, parlando di tutte le altre cose che ci offre la vita.

Saluti
Segnala all'amministratore
 
 
#22 laricchiuta 2010-05-04 11:20
Il tempo sarà signore caro Angelo.
Citazione:
Da alcuni pettegolezzi palesatisi realtà, l' atteggiamento ritornando all' ambito locale è (per)ora quello di "siamo il primo partito a Conversano, voi chi siete?" "Noi siamo quelli che hanno contribuito all' elezione di Vendola, innanzitutto!"
Ti riferisci a questo(ne ho avuta esperienza diretta e ti dico che non vi è CONGENIALE, come atteggiamento!) o al capoverso successivo? Essere primo partito ha i suoi diritti E i suoi doveri, verso gl' elettori propri&verso la cittadinanza tutta. Vorrà dire che faremo le solite primarie populiste&vincerà la destra alle urne. sarebbe meglio che tutti individuassimo pratiche meglio rappresentative di chi ci vota. Se i prodromi però sono questi... son un povero illuso incongeniale! sei sicuro(io sì del mio!)che degli sms non siano realmente partiti...? se ti devo dire quanti, quando, dove&come è1fatto ma ciò vuol dire "argomentare" o elencare(piuttosto)? Parlo della mia esperienza, anche dei fatti quelli in piena luce&quelli in penombra, delle voci&dei "sentito dire" con le mie orecchie. Il fatto delle scorse primarie con G. Panarelli te lo ricordavi? Citazione:
Infatti cito te che ti contraddici spesso nelle pratiche di buona politica, caro Paolo.
eh... ipse dixit. . .! chino il capo&aspergo di cenerem MA CHE CAZZO DICI!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#21 Angelo Lorusso 2010-05-04 04:04
Citazione:
Su questo, lo dico qui inizierò una serie di incontri con i segretari di Pd e Partito Socialista nel tentativo di una candidatura unica della sinistra a Conversano.


Più o meno come dire di giocare a calcio con una squadra di 8 persone. Ci manca qualcuno per arrivare ad 11.

Se poi si pensa che i partiti non congeniali come SEL (E maiuscola grazie), basti ignorarli perchè scompaiano... beh, è una pia illusione, anche un po' infantile, oltre che antidemocratica. Infatti cito te che ti contraddici spesso nelle pratiche di buona politica, caro Paolo.

Citazione:
Il rispetto che una minoranza chiede all' interno del PD dev' essere ripagato da un eguale rispetto nei confronti della maggioranza. E' la democrazia che lo impone.


Ok, devi solo cambiare la parolina PD con COALIZIONE. Per quanto riguarda le voci, pensa a mettere giù qualche opinione credibile e argomentata, anzichè abbassare il livello del dibattito al pettegolezzo.

Angelo Lorusso
Segnala all'amministratore
 
 
#20 MenteEtMalleus 2010-05-04 04:02
Citazione:
Su questo, lo dico qui inizierò una serie di incontri con i segretari di Pd e Partito Socialista nel tentativo di una candidatura unica della sinistra a Conversano.


Più o meno come dire di giocare a calcio con una squadra di 8 persone. Ci manca qualcuno per arrivare ad 11.

Se poi si pensa che i partiti non congeniali come SEL (E maiuscola grazie), basti ignorarli perchè scompaiano... beh, è una pia illusione, anche un po' infantile, oltre che antidemocratica. Infatti cito te che ti contraddici spesso nelle pratiche di buona politica, caro Paolo.

Citazione:
Il rispetto che una minoranza chiede all' interno del PD dev' essere ripagato da un eguale rispetto nei confronti della maggioranza. E' la democrazia che lo impone.


Ok, devi solo cambiare la parolina PD con COALIZIONE. Per quanto riguarda le voci, pensa a mettere giù qualche opinione credibile e argomentata, anzichè abbassare il livello del dibattito al pettegolezzo.

Angelo Lorusso
Segnala all'amministratore
 
 
#19 laricchiuta 2010-05-02 06:44
2di2

SeL: non è un partito, forse non lo sarà(mai)visto le linee programmatica che Vendola sventola contro tutte le vecchie forme di politica pre-esistente(siamo all' anno 0, si diceva poco tempo fa, della sinistra, no?!? forse per colpa di chi in quegl' organigramma s' è formato da giovinetto...); non capisco, sinceramente, cosa sarà "dopo".
Da alcuni pettegolezzi palesatisi realtà, l' atteggiamento ritornando all' ambito locale è (per)ora quello di "siamo il primo partito a Conversano, voi chi siete?" "Noi siamo quelli che hanno contribuito all' elezione di Vendola, innanzitutto!"
Ah, lo sai di sms che stanno arrivando con riproposizione di candidatura a Sindaco di una "vecchia volpe" che disse di non volerlo rifare? Su questo, lo dico qui inizierò una serie di incontri con i segretari di Pd e Partito Socialista nel tentativo di una candidatura unica della sinistra a Conversano. Credo che parlarsi sia la chance che abbiamo per far fronte comune. E non contrapposizione.
In Fede
Paolo Laricchiuta
segretario politico Circolo P.R.C. "A.Gramsci"Conversano ( )

p.s.: agl' Amministratori di www.conversanoweb.com & al moderatore: per favore siate "clementi"... gl' argomenti richiedono una certa argomentazione ;-)
Segnala all'amministratore
 
 
#18 laricchiuta 2010-05-02 06:43
1di2

Citazione:
(...)non comprendo ancora l'utilità dell'esistenza di queste piccole roccaforti ideologiche(...)

Caro "rossofuoco"
ti assicuro che sono il segretario politico del Circolo P.R.C."A. Gramsci" di Conversano, BA. Non ho alcuna intenzione do abbraccia né un partito né "l' altro" anche visto che l' ultimo ancora di partito non si tratta, non si sa bene neanche da chi sia composto. La tiritera di un partito diffuso(leggero?)cozza poi quando la piazza chiama&con quella ci si deve confrontare. Gl' unici due comizi tenutisi a Conversano nell' ultima campagna elettorale son stati di M. Dragone&V. Bonasora(nell' ordine in cui si son tenuti). Ambo i progetti nella mia considerazione sono fallimentari in partenza: il Pd, nella rincora della destra al bipartitismo, ha dato di fatto la svolta bipolarista alle ultime elezioni nazionali, perdendo così non solo pezzi di partiti ma imponendo una virata autoritaria al variegato mondo della rappresentanza di sinistra. Essere come nel caso del P.R.C. al 3%(approssimato a livello naz.)vuol dire NON avere in Parlamento uno o più rappresentati di un milione e duecentomila preferenze(un voto, una persona)e non ricordo male se dico che tale legge elettorale va bene, di conseguenza, al Pd; che partito di sinistra!
Segnala all'amministratore
 
 
#17 rossofuoco 2010-05-01 17:47
Ma Laricchiuta è il segretario di Rif. Comunista o è un aderente al PD? non ne notiamo la differenza. Ad ogni modo da comunista convinto (vi ho aderito e partecipato quando eravate ancora in fasce) non comprendo ancora l'utilità dell'esistenza di queste piccole roccaforti idoelogiche. Entrate nel PD o in SeL che servite di più!!!!!!!!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#16 laricchiuta 2010-04-29 16:46
Immagino dopo il Congresso o una spaccatura o la ripresa di un percorso tanto partecipativo quanto condiviso&io tra il PD e tutte le altre forze di sinistra presenti nella città. Su un tema o sulla scelta dello stesso... dialogo a tutto tondo e fronte comune contro un' amministrazione traballante&incapace.
Resa dei conti sulle votazione espresse in consiglio comunale dai consiglieri PD "autonomi"(dalla linea del partito... e aderenti a quale?!?): non è possibile che succedano ancora certe cose!
Segnala all'amministratore
 
 
#15 L4c4p4g1r4 2010-04-28 02:55
Di candidati spendibili non se ne intravedono tanti
perché non trovarci una candidata, stavolta ?
(purchè non si tratti di un'avvocatessa: ne abbiamo avuti tanti di colleghi ultimamente e nessuno memorabile - in positivo)
Segnala all'amministratore
 
 
#14 danielepasquale5@gmail.com 2010-04-28 01:37
Quando il Pd avrà risolto i suoi problemi interni (semmai avvertisse l'esigenza di farlo!), credo che bisognerà ripartire dall'analisi critica di quello che, di buono o pessimo, sta facendo l'amministrazione comunale in carica. Infatti, sembra impossibile a dirsi ma, alcune iniziative ultime di Lovascio, sono veramente da apprezzare.
Sul sociale mi sembra abbia dato una provvidenziale svolta a "sinistra" ... degna di un redivio "figliol prodigo" della Destra Sociale.
Anche la Sinistra, si diceva, deve ritrovare il suo ruolo. Questo è ormai certo!
Deve comprendere che il suo passato, glorioso o meno che sia, rappresenta un capitolo chiuso e quindi, non tornerà.
E' vero, le esigenze rispetto a ieri(almeno quelle più spicciole), son le stesse.
Le soluzioni per risolverle o alleviarle però, devono, volenti o nolenti, essere differenti ripetto alle antiche metodiche.
L'altro giorno, un bempensante compaesano (uno dei tanti ex socialisti "miracolati" dall'ondata di posti regionali elargiti negli anni '80) mi diceva, ridendosela di gusto, che, chiuso il rubinetto dell'assistenzialismo, la Sinistra non potrà più avere alcuna probabilità di successo.
Probabilmente è così, ma è proprio vero che ogni cosa, quando è vissuta con "dolore" sulla propria pelle, si può comprendere meglio.
Segnala all'amministratore
 
 
#13 laricchiuta 2010-04-27 22:55
deve ripartire un intento unitario stando tutti a LAVORARE politicamente tra la gente, a metterci la fatica&la faccia come si faceva "una volta" non tanti anni fa, ormai. Il silenzio (interiore ed esteriore), la normalizzazione di tutte quelle pratiche anomale che, per abitudine, si consolidano fino a diventare normalità, l' apatia, l' indifferenza sono mali che possiamo combattere stando insieme e agendo.

La direzione unica fa sempre un certo timore per quella specie di uniformità che lascia intravedere: dobbiamo incontrarci per discuterne, quelli di sinistra. Un percorso che s' interruppe con la "spallata" delle ultime elezioni politiche può, nella condizione attuale, deve (ri)partire da quel dato di fatto, da quella debacle (per quelli più a sinistra del PD): che un' assenza fa più rumore di un ingombrante presenza; l' assenza/perdita di una qualunque parte sminuisce il tutto, in ultima misura.

Un mio sogno si potrebbe materializzare con un unico candidato sindaco di tutta la sinistra nella modalità in cui su quell' unico nome (ce n'è già uno di cui si vocifera in giro... indovina?) si arrivi con una discussione allargata&partecipativa, senza pregiudiziale alcuna con la redazione, chessò, del programma comunale. Nelle ultime elezioni, dalle regionali in poi, s' è sempre adoperato il metodo "io sono: se volete appoggiatemi". Dalle modalità nuove nascono nuove forme di coinvolgimento a sinistra: non possiamo che arricchircene.

In Fede
Paolo Laricchiuta
segreatrio politico circolo P.R.C. "A. Gramsci" Conversano
Segnala all'amministratore
 
 
#12 rossofuoco 2010-04-27 03:48
Mentre la destra amministra facendo razzia di pensiero, quei compagnoni della sinistra si scannano continuamente...dalle sedi dei partiti ai palchi dei comizi, dai forum ai bar e locali notturni (di sinistra, vedi oblio). Quando si dice il minoritarismo.
Segnala all'amministratore
 
 
#11 rossofuoc 2010-04-27 03:43
Mentre la destra amministra e si fa gli affari suoi facendo razzia di pensiero, la sinistra si scanna sempre e comunque...dalle sedi dei partiti fino ai banconi dei bar(di sinistra).
Segnala all'amministratore
 
 
#10 danielepasquale5@gmail.co 2010-04-27 03:19
L4C4P4GIR4
bastar..;-)
Segnala all'amministratore
 
 
#9 L4c4p4g1r4 2010-04-27 03:06
geniale e tautologico ;-)
Citazione:
qui stà l'errore

...a parte il resto degli strafalcioni
Segnala all'amministratore
 
 
#8 danielepasquale5@gmail.co 2010-04-27 00:07
(Laricchiuta) Condivido quasi tutto quello che hai scritto.
La mancanza, in primis, di una linea politica credibile del Pd ha raffreddato l'entusiasmo e la voglia di cambiamento del popolo delle Primarie.
Oggi, quella famosa "sinistra da bere", tanto criticata da Boccia non serve ...
Ad urne aperte, infatti, sembra si possa fare a meno di tutto e di tutti.
Soprattutto quando rappresentano, degnamente o meno, il Pd.
Ma, a mio avviso, proprio qui stà l'errore che ci scaraventa nell'antipolitica in generale.
Nell'enfasi della potatura, tra i rami secchi, cade anche il ramo capace di dare i suoi frutti.
Distruggere, stravolgere, annullare, cancellare, ...
Queste sono le azioni che caldeggiano i grandi demagoghi della Sinistra, quando si parla del grande Partito (mai nato).
Quasi che il solo mettere all'angolo o alla berlina il Pd, bastasse a vincere il berluscoglionismo.
Anche io, che non sono un esperto, che mastico, per diletto, ma con gravi difficoltà di digestione, la politica, desidero un nuovo capitolo per la Sinistra e per il Pd.
Magari, un partito unico ...
Credo che, comunque tutta, debba cambiare passo.
A dirlo sembra facile ...
Basterebbe riprendere a camminare!
Segnala all'amministratore
 
 
#7 L4c4p4g1r4 2010-04-26 23:28
unhappy hour suona molto meglio
(vista anche la situazione di PRC che non pare diversa da quella del PD) ;-)
www.youtube.com/watch?v=-VjbuM4i--A
Segnala all'amministratore
 
 
#6 laricchiuta 2010-04-26 20:28
@
Citazione:
Io credo che(...)il Pd sia nel momento più profondo della sua crisi.
Essa, come ha più volte asserito Rotunno, deriva anche da un mancato rispetto tributato dagli organici del partito alla minoranza interna.
Quello che però non si può addebitare al Rotunno é la mancanza di coraggio.
Egli ha portato avanti le sue battaglie, anche al di fuori del partito.
La scelta di ricorrere al TAR e/o al Prefetto non spettava a lui ma, ove ce ne fossero stati i presupposti, alla Dirigenza Pd. Il vero dilemma del Pd quindi, non é il ruolo o il peso di Rotunno.

Non è da intendersi nell' ottica di un attacco personale la mia risposta all' articolo di Rotunno. Si parlava di PD locale&nazionale. Il rispetto che una minoranza chiede all' interno del PD dev' essere ripagato da un eguale rispetto nei confronti della maggioranza. E' la democrazia che lo impone. Una tesi/proposta/direzione sconfitta non può riaffermarsi diventando la tesi di una minoranza che si stacca&va per fatti suoi, rientrando dalla finestra ciò ch' è uscito dalla porta. La sua posizione&quella di altri che la pensano alla stessa stregua non può che essere considerata collaterale e/o marginale al PD, quantomeno vicina. Tutto ciò ha nociuto pesantemente all' interno della vita di partito e, se lo lasci dire, di ciò (su un versante politico più a sinistra) ne ho avuta diretta esperienza. In definitiva, i meriti si vedono anche dai risultati; se questo è il PD oggi a Conversano, pur con i grossissimi meriti delle individualità, non credo il risultato sia stato ottimale. Manca proggettualità, manca coesione visto l' assenza di una linea politica di Partito(tutto, maggioranza E minoranza, meno piagnucolosa&risentita...).
Mi chiedo chissà cosa starà facendo ora "quel popolo dei Gazebo"... un happy hour?!?
In Fede,
Paolo Laricchiuta
segreatrio politico circolo P.R.C. "A. Gramsci" Conversano ( )
Segnala all'amministratore
 
 
#5 L4c4p4g1r4 2010-04-26 03:31
Ma lasciali perdere: il voto ha premiato la SEL e non i loro partiti.
Non sanno, forse, che:
Citazione:
L'amore vince sempre sull'invidia e sull'odio

(e smettiamola di scrivere sò e di sbagliare gli accenti sulla e)
Segnala all'amministratore
 
 
#4 danielepasquale5@gmail.co 2010-04-26 01:25
Mah... Non c'é che dire !!!
La Sinistra chissà perché, continua a colpirsi violentemente nelle parti ... più intime.
Non sò quale sia il criterio che induce noi tutti, uomini d'opposizione, a far opposizione anche al nostro ombelico ma ormai in tanti ci stiamo rassegnando allo status quo.
Potremmo disquisire per ore ed ore circa l'assoluta incompetenza e parzialità di questa o di altre amministrazioni comunali ma, come in preda ad un isterismo diffuso ed autolesionista, preferiamo analizzare i comportamenti e le presunte pecche di ex compagni e pseudoantagonisti.
Io credo che( venendo al merito dell'appunto mosso da Laricchiuta a Rotunno), il Pd sia nel momento più profondo della sua crisi.
Essa, come ha più volte asserito Rotunno, deriva anche da un mancato rispetto tributato dagli organici del partito alla minoranza interna.
Quello che però non si può addebitare al Rotunno é la mancanza di coraggio.
Egli ha portato avanti le sue battaglie, anche al di fuori del partito.
La scelta di ricorrere al TAR e/o al Prefetto non spettava a lui ma, ove ce ne fossero stati i presupposti, alla Dirigenza Pd.
Il vero dilemma del Pd quindi, non é il ruolo o il peso di Rotunno.
Lo é invece il saper dimostrare praticamente la volontà di operare una decisa svolta. Affidandola, se possibile, alla capacità ed alla buona volontà dei tanti giovani che pullulano e scalpitano nella sezione locale.
Diamo voce al popolo dei Gazebo e votiamo un cambiamento della dirigenza o, per il mantenimento dell'attuale.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI