Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

IL SINDACO SEMPRE IN AFFANNO E LE NORME DA CAMBIARE

penna-stilografica 

Riceviamo e pubblichiamo le riflessioni di un nostro lettore che, con grande lucidità, riflette sui disagi cui il primo cittadino, da qualche anno a questa parte, incorre. Ci si sofferma in particolar modo sul potere contrattuale che i consiglieri, in virtù del loro numero, avrebbero acquistato nei confronti del Sindaco, con il risultato di paralizzare la macchina amministrativa per capriccio e interesse.

“Fino a qualche anno fa, il numero dei consiglieri comunali, per le città con una popolazione come Conversano, era pari a 30. Fra i consiglieri eletti si votava per eleggere il Sindaco. Pertanto il Sindaco era, alla fine, espressione di espressioni e questo, poteva anche andar bene. Anche gli assessori erano espressione di un gruppo di consiglieri “consanguinei” e venivano scelti all’interno dei partiti, fra coloro che della “materia” ne capivano. Essi fungevano, spesso, da strumento di convergenza verso direzioni preferenziali col compito di “accontentare”, contemporaneamente diversi consiglieri.

Da qualche anno, con l’elezione diretta del Sindaco, i consiglieri eletti sono diventati 20. Quelli di maggioranza, come da normative in vigore, sono 12 – ovvero il 60% – e quelli di opposizione sono 8 – il restante 40%. Il potere contrattuale dei consiglieri, di fatto, è andato sempre più accrescendosi. In una situazione paradossale, come quella che si sta vivendo negli ultimi anni, dove la maggioranza è ridotta a 10, persino chi fa gruppo come singolo, dispone di immenso potere. Per evitare fibrillazioni, infatti, a questo si concede tranquillamente l’assessore di riferimento. Da ciò deriva che un cittadino – anche se svincolato da impegni verso una qualsivoglia organizzazione politica o sociale, purché in grado di aggregare un numero di voti tali da consentirgli un posto al “sole” – determina le scelte politiche di un’intera comunità. Peggio sarebbe se il singolo rappresentasse una lobby e fosse, quindi, esclusivamente interessato a salvaguardare le economie del “padrone”.

Ritengo, essere questa, una vera assurdità. Il Sindaco che, come nel caso attuale, è stato votato da circa 9.000 persone, rischia di essere mandato a casa da un consigliere che magari è tale perché collegato alla sua stessa lista. Il Sindaco deve amministrare per cinque anni, è quello il compito che la comunità gli ha affidato, provvedere alle diverse necessità della comunità e non spendere energie per correre dietro le beghe di chi è insistentemente alla ricerca di ritagli di potere. Gli assessori non devono essere imposti da chi è dedito continuamente a curare il giardino dei consensi, ma essere liberamente scelti dal Sindaco che se ne assume tutte le responsabilità.

Nelle prossime votazioni il numero dei consiglieri comunali si ridurrà a 16, conferendo loro ancora più potere. Se “tanto mi dà tanto”, risulterà ancora più difficile trovare le condizioni giuste per governare. Ai consiglieri, votati e intesi come membri di un organismo parallelo, dovrebbe essere tolta la possibilità di creare minoranze o maggioranze; ad essi dovrebbe competere solo la possibilità di controllo, affinché la gestione della pubblica amministrazione avvenga nella massima trasparenza e nel rispetto delle leggi. A qualcuno potrebbe venire in mente il “vecchio” Podestà. Ora, pur non avendo nessuna nostalgia verso una storica figura politica, che per anagrafe non ho vissuto, siamo convinti – alla luce delle ganasce che attanagliano i mozzi di chi vorrebbe viaggiare con criteri e con velocità diverse – che è stata una soluzione che non trova più i presupposti per essere riproposta?”.

Commenti 

 
#6 danielepasquale5@gmail.co 2010-05-31 21:06
Scusami Peppino, ho riletto il tuo intervento con più attenzione.
Non si può dare ulteriore potere al Sindaco che, tra l'altro, almeno sulla carta, ha diritto a scegliersi gli assessori.
La democrazia impone condivisione nelle scelte e nelle responsabilità.
Se il sindaco in carica non sarà in grado di portare a termine il suo programma, non sarà l'unico a fallire nel tentativo.
Tutta la maggioranza sarà coinvolta politicamente dall'eventuale insuccesso.
Lonero ha deciso ad esempio, di abbandonare il consiglio comunale dopo aver abbandonato la giunta.
Io l'ho trovato un atteggiamento responsabile e politicamente ineccepibile.
Se un consigliere non può incidere positivamente nell'attività amministrativa e non può adoperarsi fattivamente all'attuazione del programma, ha due scelte dinanzi a se: continuare a riscaldare lo scranno su cui vegeta o dare un segnale forte e chiaro.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 peppino 2010-05-31 13:32
Appare evidente una cosa, o il sottoscritto non è stato capace di trasmettere, oppure chi ha letto la mia ha avuto eccessiva fretta nel dare dei "consigli".
Segnala all'amministratore
 
 
#4 jmbo 2010-05-26 15:54
Credo che il firmatario della lettera pubblicata è poco attento alle questioni politiche conversanesi. L'articolo 77 della legge 267 (T.U.delle leggi sull'ordinamento degli Enti Locali) definisce il Consigliere Comunale "Amministratore locale" al pari del Sindaco. Si tratta di comprendere che il ruolo del Consigliere che ricordiamolo è stato "eletto" è quello di dare indirizzo alle scelte, entrare nel merito. Quando questo metodo di condivisione tra consiglieri, assessori e sindaco non avviene significa casomai l'opposto che è il Sindaco insieme al protagonismo e le scelte anche di spesa di taluni assessori (ricordate il partito degli assessori)che mortificando il dibattito interno alla "maggioranza" che alimentano prima o poi i malumori dei consiglieri e a da dare risposte per giustificare scelte improprie fatte anche in difformità al programma elettorale da chi non e' stato eletto.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 danielepasquale5@gmail.co 2010-05-26 14:58
Mi sembra che chi ha scritto la missiva in questione, sia molto avanti e, ad ogni buon conto, prudente.
C'è bisogno di un nuovo podestà, di più decisionismo. Questo oramai è chiaro! Lo ripete quotidianamente anche il premier ...
Il sindaco deve perciò infischiarsene di tutti i legacci definiti "democratici" e deve poter gestire la Cosa(?) Pubblica come uno dei suoi gingilli.
Se lui non può modificare la legge in maniera condivisa, lo faccia d'imperio ricalcando il motto antico, ma ancora oggi ricco di fascino, del "menefrego".
Si scelga il suo personale, epuri qualche consigliere, imponga qualche maggiorata come assessore, installi una stazione agip in piazza Castello, .... e tiri dritto.
P.S.= credo in realtà che il Sindaco di Conversano, abbia un senso più limpido e moderno dela gestione del Comune.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Giovanni 2010-05-26 03:23
l'elezione di ogni componente politico dev'essere necessariamente scelto dagli elettori e non bisogna lasciare ampia scelta direttamente al sindaco.Questo è sinonimo di vera democrazia che rompe gli schemi del solito partitismo.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 L4c4p4g1r4 2010-05-25 23:26
Sicuri di conoscere bene la legge sull'elezione dei sindaco e del consiglio comunale (e chi possa modificarla) ?
www.interno.it/mininterno/export/sites/default/it/assets/files/16/0443_Elezioni_Sindaco_ConsiglioComunale.pdf
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI