Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

L'OPPOSIZIONE ABBANDONA L'AULA. SEDUTA SOSPESA

aula-conversano

LEGGI IN BASSO tutta la cronologia e gli aggiornamenti del consiglio di oggi trasmesso in diretta web no stop: 'Il consiglio comunale minuto per minuto'. A breve approfondimenti dal corrispondente Vittorio Di Lorenzo.

 


AGGIORNAMENTO ORE 16:09 - SEDUTA SOSPESA - Il consiglio respinge al voto la proposta alternativa al deliberato. I consiglieri di minoranza di conseguenza, come annunciato, abbandonano l'aula. Manca ora il numero legale per proseguire i lavori e approvare il nuovo deliberato proposto dalla maggioranza e oggetto di discussione in aula. Dopo dieci minuti di sospensione si torna a fare l'appello, ma manca ancora il numero legale. Quindi la seduta di consiglio comunale è stata sospesa pro tempore.

_________

AGGIORNAMENTO ORE 15:59 - Scoppia la rissa tra il consigliere D'Alessandro e Salzo. Salzo, dopo l'annuncio di D'Alessandro di voler abbandonare l'aula e rinunciare al voto, accusa la minoranza di "posizione retriva": "Se volete abbandonare - conclude il consigliere Salzo - abbandonate pure!".

_________

AGGIORNAMENTO ORE 15:50 - Il gruppo del Partito Democratico annuncia di voler abbandonare l'aula se non sarà approvata la proposta alternativa ai provvedimenti da adottare con il nuovo deliberato: revoca delibera di giunta n. 83 e sospensione lavori della variante permesso a costruire. L'opposizione chiede invece la revoca del permesso a costruire (leggi tutto il dibattito nella cronologia in basso).

__________

AGGIORNAMENTO ORE 15:10 - Viene approvata una sospensione di 10 minuti del consiglio comunale, per una consulta tra capigruppo che decideranno se approvare o meno la richiesta dell'opposizione di revocare (anzichè sospendere come ha proposto la maggioranza) il permesso a costruire in variante, e sulla revoca in autotutela della famosa delibera di giunta (vedi cronologia). L'opposizione chiede la revoca del permesso a costruire dell'Edileco su via Gobetti per il distributore, poichè ritiene che il pasticcio sia non solo tecnico dell'ufficio comunale (per mancanza di pareri e relazioni alla delibera e al permesso, secondo Bonasora), ma anche politico.

_________

AGGIORNAMENTO ORE 15:00 - L'assessore Loiacono si dice favorevole ai provvedimenti presi in esame dal nuovo deliberato e in particolare sottoliena la rihiesta "di revocare in autotutela questo deliberato (delibera di giunta n.83 del 25-05-2010, ndr).". Infine, parla di un servizio andato in onda qualche minuto fa su Tg3 Rai Puglia il quale avrebbe messo in onda delle "falsità - fa notare - sulla questione rifiuti". Motivo per il quale invita ad accelerare sul punto e approvare il deliberato.

_________

AGGIORNAMENTO ORE 14:40 - Interviene il consigliere dell'opposizione Piemontese e sale la tensione in consiglio, a un passo dal voto del deliberato aggiuntivo che sancirà la sospensione del permesso a costruire in variante (distributore via Gobetti) e gli altri provvedimenti di cui abbiamo parlato qualche minuto fa (vedi cronologia in basso). L'opposizione insiste sulla richiesta di revoca del permesso a costruire, anzichè limitarsi alla sospensione.

Ci prova il consigliere Covito a stemperare gli animi ribadendo che il provvedimento di sospensione servirà per verificare gli atti e i documenti, per poi prendere i conseguenti provvedimenti del caso. "Mi suona strana - conclude Covito - una divergenza che nei fatti non c'è."

Per quanto riguarda invece l'altro provvedimento preso in esame nel nuovo deliberato, neanche in questo caso si profilerebbe l'unanimità sulla decisione di revocare la delibera di giunta numero 83 del 25-05-2010

__________

AGGIORNAMENTO ORE 14:20 - Rotunno chiede la revoca immediata della variante del permesso a costruire. L'opposizione, in sostanza, non è d'accordo sulla sospensione dei lavori proposta dalla maggioranza con il deliberato aggiuntivo, che sta per essere approvato e chiede invece la revoca del permesso a costruire in variante.

__________

AGGIORNAMENTO ORE 14:05 - Interviene il sindaco: "Relativamente alla revoca della delibera di giunta penso che i presupposti ci siano. La revoca del permesso a costruire non riguarda l'azienda. Stiamo proponendo una delibera di consiglio molto più incisiva. Revocare non significa non adottare nessuna delibera, ma adottare un delibera diversa con indicazioni diverse della delibera numero 83. Si sta predisponendo un'idea diversa dei luoghi."

_________

AGGIORNAMENTO ORE 14:00 - C'è il disappunto dei consiglieri Bonasora e D'Alessandro: "Se non usciamo con un atto forte, che serva di lezione per qualcuno, noi del Pd - osserva D'Alessandro - non ci stiamo. Non serve un atto deliberativo per ripristinare lo stato dei luoghi".

__________

AGGIORNAMENTO ORE 13:36 - IL VERDETTO Per fare chiarezza sulla vicenda del distributore di via Gobetti, il consiglio comunale - dopo ore di serrato dibattito in aula sulla vicenda degli alberi tagliati, parcheggio pubblico nell'area di servizio e vizi degli atti - dopo un confronto in maggioranza e due consigli comunali, chiede il ripristino dello stato dei luoghi, la revoca in autotutela della delibera numero 83 del 25-05-2010 e la sospensione del permesso a costruire dei lavori in variante.

"Al fine - recita l'atto deliberativo aggiuntivo - di valutare la rispondenza del progetto alla normativa vigente. Prevedere l'utilizzo collettivo delle aree adibite a parcheggio, così come previsto dal permesso di costruzione. Realizzazione dei marciapiedi e reimpianto di alberi a costo del richiedente."

__________

AGGIORNAMENTO ORE 13:30 - Dopo oltre un'ora di riunione di maggioranza, riprende il consiglio comunale con l'intervento del sindaco che relaziona sulla decisione presa.

__________

AGGIORNAMENTO ORE 11:50 - D'accordo con D'Alessandro, il presidente Gentile propone la revoca della concessione e della delibera di giunta, del permesso a costruire in variante, in autotutela (con decorrenza di settanta giorni) per "sanare quei vizi" che illustra:

"Noi non possiamo scaricare tutta la responsabilità sull'azienda - spiega - Andiamo a revocare la delibera della variante. Partiamo da un primo progetto come ha evidenziato Bonasora che porta il parere dei vigili del fuoco. Il progetto non illustra la situazione reale. Non abbiamo la nuova autorizzazione petrolifera. Non è ancora pervenuta. Poi il problema di un'altra particella. Particella della cui area se ne sfrutta la superficie. Stessa valutazione per il parcheggio; il distributore avrebbe fornito un supporto al parcheggio pubblico. Questa condizione scompare nel nuovo permesso a costruire. la delibera di giunta venga revocata. Il capitolato e la convenzione è un atto obbligatorio. Non abbiamo traccia di questa convenzione. Tutta la parte pubblica (marciapiede, rotatoria) sono di committenza del comune. Se succede qualcosa l'amministrazione verrà chiamata a darne conto."

Intanto il consiglio è sospeso per 20 minuti.

___________

AGGIORNAMENTO ORE 11:40 - D'Alessandro incalza sui precedenti interventi e dice al consigliere Giannini, a proposito del suo intervento (vedi ore 11:30): "Non puoi venire qua a dire 'mi sono pentito'. Bisogna avere il coraggio. Non lo dire che è meglio...". Dopo una fase iniziale del consiglio in cui ci si è più o meno leccati le ferite, si discute ora su possibili soluzioni e convergenze tra maggioranza e opposizione.

___________

AGGIORNAMENTO ORE 11:30 - "Ormai la frittata è fatta! - esclama Giannini - adesso siamo uniti verso quello che io mesi fa avevo già visto, dettato, detto... E' grave quello che ha detto ieri il direttore dell'area tecnica (Giandola, ndr). Se riusciamo a fare qualcosa, sarà un qualcosa di isterico".

___________

AGGIORNAMENTO ORE 11:15 - L'intervento del consigliere Mottola guadagna il plauso di Salzo che lancia un monito: "Basta con club che non siano partiti. Mai ci deve essere qualche richiesta strana". Sulle vicende di via Gobetti ribadisce: "Ci sono pochi errori politici, molti errori tecnici. L'assessore si deve dimettere, il funzionario no?!". Sui tagli agli ospedali osserva: "Il punto sulla sanità lo dovete rifare in giungo 2010. Adesso è inutile parlare, dire... Ormai l'orientamento è quello di investire l'investibile sul territorio. Gli ospedali saranno chiusi, altri drasticamente ridotti, e nessuno potrà dire niente."

"Il piano carburanti e del verde urbano ci sarà - assicura infine - Lo stiamo studiando da parecchio. L'abbiamo fatto prima in forma quasi privata con i consiglieri ex Forza Italia, però posso garantire che entro venti giorni ci sarà, il piano. Non tutti gli uffici sono meno della sufficienza."

__________

AGGIORNAMENTO ORE 10:15 - "Non abbiamo alcuna intenzione di bloccare quelle opere - precisa D'Alessandro - Abbiamo chiesto solo il ripristino dello stato dei luoghi della parte pubblica."

____________

AGGIORNAMENTO ORE 10:00 - Lovascio riporta l'attenzione sulla questione ospedale e chiusura reparti. "Sono stato ieri alla Conferenza dei sindaci. L'assessore Fiore ha espresso il lavoro che sta facendo, ed è un lavoro che va verso una riduzione notevole degli ospedali e delle ospedalizzazioni. Il discorso che ha fatto l'assessore è stato serio. Questo rimbalzo di responsabilità è inaccettabile, perchè il governo centrale sta riducendo i fondi agli enti locali."

VEDI ANCHE IN HOME PAGE: OSPEDALE CONVERSANO, SI AVVICINA L'ACCORPAMENTO?

____________

AGGIORNAMENTO ORE 9:45 - LOVASCIO: 'RIPRISTINARE SUBITO NON SOLO IL MARCIAPIEDE' - Prende la parola il sindaco Lovascio: "Ci siamo ritrovati ad approvare una delibera di giunta che aveva un titolo di una tale semplicità. In realtà c'erano dei presupposti rispetto a questa delibera, e ci sono state delle conseguenze, questa è la cosa più grave. C'è stato lo smantellamento degli alberi, per nulla autorizzato. E' stato considerato un fatto naturale dall'azienda, cosa che naturale non può essere. E' stato ignorato un parere dell'ufficio ambiente. Le sanzioni è giusto che vengano prese, credo che l'assessore Loiacono abbia informato la guardia forestale."

"Ripristinare non solo il marciapiede - prosegue Lovascio - ma ci vogliono alberi che siano all'altezza. Questa richiesta l'abbiamo già inoltrata. Sono certo che si può fare ancora molto meglio, che sia necessario oggi fare una serie di valutazioni su quell'area. Credo che la posizione del rondò, situazione della strada, marciapiede siano cose che vanno regolate nei prossimi giorni. Se la legge ci impone di dare sanzioni le dobbiamo dare. Lasciare un cantiere a metà trovi che sia la cosa peggiore per i cittadini di Conversano. Ma se i danni possono essere compensati con un ripristino... di sicuro dobbiamo imporre la nostra volontà."

'BASTA CON LA CULTURA DEL SOSPETTO' - "Dobbiamo creare posti di lavoro - l'intervento del sindaco - non possiamo deturpare questo territorio, mettere da parte la cultura del sospetto. E' una tragedia di questa città. Ha bloccato l'economia di questa città. Chi innesca questi meccanismi si deve prendere la gravissima responsabilità dei tanti disoccupati. Su tutte le situazioni ci sono interessi e si possono creare tutti i sospetti di questo mondo. Il nostro dovere è inserirci in questi meccanismi e tenerli sotto controllo... Abbiamo il dovere di non andare ad azzerare tutte le situazioni. Abbiamo dovere di correggere questi difetti, non bloccare l'occupazione e l'economia."

"In questa vicenda - conclude Lovascio - sono stati fatti errori gravi. La cosa sbagliata però e non correggerli. Abbiamo creato rispetto a degli alberi che tranquillamente si possono sostituire, abbiamo passato una giornata di consiglio comunale."

___________

AGGIORNAMENTO ORE 9:40 - "La gestione dell'intera vicenda lascia a desiderare." In apertura dei lavori, l'assessore Loiacono è critico. In aula manca l'assessore Bugna che dovrebbe aver formalizzato le dimissioni da lui annunciate, già ieri pomeriggio."


I PUNTI ALL'ORDINE DEL GIORNO

  1. Surrogazione del Consigliere Saverio Lonero e convalida consigliere subentrante.
  2. Distributore Carburante via Gobetti - Variante a permesso a costruire - discussione politica.
  3. “Decreto del C.D. n. 210 del 28/12/2009. Acquisizione in favore del patrimonio comunale dell'impianto complesso, costruito in conformità' dei decreti del C.D. nn. 26/07 e 148/07, comprensivi di immobili aree e pertinenze”.
  4. Richiesta convocazione Consiglio Comunale per mancata approvazione del rendiconto 2009 - discussione politica.
  5. Interpellanza presentata dal Consigliere Coletta sul Piano Casa e Norme sulle attività Edilizia.
  6. Mozione presentata dal Consigliere Coppola su: “Valutazione e stato odierno delle deroghe per l'applicazione dell'art. 5 del D.P.R. n. 447/1998”.
  7. Interrogazione urgente proposta dal Consigliere D'Alessandro  ad oggetto: PO 2007 - 2013. Asse VI. L. di Int. 6.2 - Az. 6.2.1 - DGR n. 244 del 25/02/09. Imp. di spesa, riappr. Bando per il Finanziamento di “Iniziative per le infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi” rel. pubb.
  8. Interrogazione urgente proposta dal Consigliere Bonasora ad oggetto: domande per il finanziamento  proposta di intervento su linee di inter. 6.2 - Azione 6.2.1.: Iniziative per le infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi.
  9. Interrogazione urgente proposta dal Consigliere Bonasora avente ad oggetto: Impianti di affinamento delle acque reflue del Comune di Conversano.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI