Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

PASQUALE BONASORA: LOVASCIO E I SUOI “NON NE SO NIENTE”

lovascio-sindaco

In un recente intervento, consegnato alla stampa locale, il consigliere Pasquale Bonasora attacca duramente la gestione della "cosa pubblica" di Lovascio, affermando che il ritornello “non ne so niente” ormai non convince più.

La prima incongruenza che Bonasora evidenzia è il cambio d’opinione sul PIRP: sia da consigliere che da Sindaco “ha sempre affermato insieme al vicesindaco Bugna di essere contro il PIRP, poi a poco a poco i due hanno cambiato idea, e hanno fatto cambiare idea a numerosi consiglieri di maggioranza”.

Si ritorna anche sul "fattaccio" di via Gobetti: “Su tale questione il sindaco sino ad oggi ha deliberatamente mancato le promesse fatte in Consiglio Comunale”. E ancora il consigliere SeL incalza: “Non si è avuto nemmeno il coraggio di bloccare i lavori non autorizzati su suolo pubblico con l’impunito taglio degli alberi da parte di un’impresa privata. Il sindaco “non sa” che dall’ufficio tecnico del comune di Conversano è stata rilasciata, per la stazione di servizio, una variante, tutta irregolare, con una rapidità incredibile”.

Sempre per restare in tema, Bonasora tira fuori la rivelazione del “doppio lavoro” dell’attuale direttore d’area, che sarebbe “amministratore unico dell’impresa Everlight-Bari Srl che si occupa di impianti per il fotovoltaico pur avendo sottoscritto un contratto che escludeva qualunque motivo di conflitto d’interesse nell’esercizio del mandato!”.

La conclusione è perentoria: “Al più presto è necessario invertire la rotta perché nascondersi dietro il solito “non ne so niente” non funziona più. Perché di fronte a fatti di tale gravità e rilevanza dire “non ne so niente” equivale a certificare la propria incapacità politica e amministrativa”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI