Lunedì 20 Agosto 2018
   
Text Size

OPINIONI - GELMINI, SCUOLA E PROPAGANDA

gelminiscuola
In quest’epoca di pura propaganda, quale omaggio al ritorno nostalgico di mal sopite retoriche patriottiche, la scuola, ributtata nella penuria di fondi d’inizio novecento, langue inascoltata. Questa inaudita depauperazione, frutto di scelte dissennate e “antitaliane”, è perseguita con zelo. Ministri veraci e poco ortodossi dissimulano nel fragore violento delle loro decisioni, la loro pochezza o “piccolezza”. Sono troppo convinti di trovare riscontro nel telegenico pubblico elettorale, grazie anche al loro astio inconsulto contro l’intero apparato statale. Non vi è possibilità, visto cotanto disprezzo per la ragione e la logica, per un confronto sereno. Si preferisce, nell’inconcludente diatriba politica, urlare, aizzare, minacciare, denunciare, mistificare …

E’, comunque, prassi consolidata per una forza nuova(?) che si avventura sul proscenio politico, proporre un cambiamento. Promettere una rivoluzione. Credere di fidelizzare il proprio bacino elettorale adeguando le regole comuni, umiliandole, svilendole. “Per costruire”, si blatera con rozza praticità, “bisogna distruggere”. Ed intanto questa nostra povera italietta, comincia ad apparire un desolante cumulo di macerie post belliche. Le norme della nostra Costituzione vetuste ed inappropriate a questi tempi moderni, messe alla berlina da chi dovrebbe garantirle. La Sanità, solo un covo di malaffare e il serbatoio economico dei potenti e mafiosi di turno. Gli Ospedali, da razionalizzare tramite una drastica riduzione. L’INPS, una iattura nazionale. Le amministrazioni locali un peso non più pubblicamente sostenibile e quindi da rendere più autonome e onerose per il cittadino. La Scuola Pubblica, infine, affollata di personale indegno e inutile, appare costosa e, tutto sommato, superflua.

La Scuola, dunque ... Come ogni voce nel capitolo spese di un’azienda, è un costo difficile da ammortizzare. Ovvia la voglia barbara di cancellarla dalla spesa pubblica. L’Università e la Ricerca, gli insegnanti, il personale ATA, le strutture scolastiche periferiche, i detergenti per disinfettare le strutture, i termosifoni, la carta igienica, le spese di ordinaria manutenzione …  Prima lampante conseguenza a quest’assurda dieta è un clima generale di malcelato malcontento tra il personale educativo e quello stralunato terrore provocato da un bombardamento continuo e indiscriminato. Gli insegnanti sono decimati e costantemente in bilico, soggetti alle intemperanze di Dirigenti più zelanti e spietati dei vertici di una multinazionale.  Gli stessi Dirigenti vagano perplessi nell’inconcludenza, barcamenandosi nel blocco totale dei finanziamenti pubblici che perdura dal 2005. Essi stringono, ancor più, la cinghia al personale invitandolo a orari inumani e antisindacali (Già, il sindacato! Ma esiste ancora?) per coprire assenze che non sono rimpiazzate. Il tutto in un clima omertoso che, confuso con una finta e iniqua solidarietà, annienta lo spirito di sopportazione degli operatori scolastici. Specie su di essi, difatti, gravano le quotidiane e non remunerate manifestazioni di “prona” disponibilità. Il Ministro Brunetta, mistificando le contingenze reali, impone al neo impiegato pubblico un giuramento. Non dimentica però di strapazzarlo, a giorni alterni, minando alle fondamenta la sua stabilità complessiva. La Gelmini, dal canto suo, decide che, nonostante la pandemia, nessuna scuola è autorizzata a chiudere. Lei, perciò, trincerata nella sua eleganza ottocentesca e turandosi opportunamente le narici, dimostra con i fatti di disprezzare ogni regola di civile convivenza ed igiene. I nostri bambini, è bene ricordarlo, passano le loro mattinate in ambienti, pressoché umidi, poco igienizzati e, in gran parte, pericolanti. E’ assurdo costatare, de vivo, che in una situazione di emergenza sanitaria come quella attuale, non ci siano nelle scuole neanche i più comuni detersivi. Le pulizie, in tanti casi sono effettuate con acqua (fredda, poiché manca il riscaldamento!) e stracci logori e consunti. Le maestre che si ammalano per pochi giorni non sono sostituite e i loro alunni sono divisi e dirottati in altre classi. Il materiale didattico è comperato grazie al contributo generoso dei genitori. I guasti strutturali agli edifici sono malamente riparati, l’arredo delle aule è degno di un mercato dell’antiquariato trash. La precarietà, non solo quella riferita al personale, sembra diventata una condizione ineludibile.

In tanti, ora, si chiedono, come se non lo sapessero, dove, si sta cercando di portare la scuola Pubblica. Anche questa, come troppe dotte disquisizioni pseudo politiche e sociologiche, sembra uno sterile esercizio retorico. La Scuola pubblica sarà equiparata giuridicamente a quella privata e verrà, di conseguenza, resa meno appetibile. Il numero complessivo del personale pubblico sarà ulteriormente ridimensionato con buona pace delle balzane affermazioni post bolsceviche di Tremonti. I costi dell’educazione ricadranno dunque sulle famiglie e infine, la Scuola ridiverrà finalmente d’elite. In Francia, quando si è tentata un’operazione-demolizione come questa italiota, si è arrivati a una protesta continua, clamorosa e unanime.

Qui da noi ci si ostina a restare inguaribili nostalgici e, richiamando i fasti della benemerita politica autarchica del ventennio, si preferisce perseguitare ad abbozzare, “fregandosene” del futuro.   

Pasquale Daniele

Commenti 

 
#15 danielepasquale5@gmail.com 2009-12-22 23:53
Inciucio si, inciucio no
Un bell'edidoriale di "libero", in data odierna, affronta in maniera disincantata il dibattito politico più in voga del giorno. In esso, difatti, si analizza l'opportunità di un accordo per le riforme tra maggioranza ed opposizione. Belpietro, in sintesi, asserisce che l'accordo é positivo e, quindi, viene criticamente osteggiato da chi non avrebbe alcun futuro nel post-antiberlusconismo. E' un'analisi, certamente intelligente e acuta. Un vero peccato, però, che sia sfrontatamente di parte. Infatti, essa parte dal presupposto non più condivisibile, secondo il quale Berlusconi é essenzialmente , la vittima sacrificale della nostra becera sinistra. Ma, Berlusconi, dati alla mano é molto di più di questo. Lui é l'autore di una politica a senso unico. Quello che va dritto dritto verso i suoi interessi economici e giudiziari. D'Alema, come già in passato, rappresenta la sua scialuppa di salvataggio. Sono grato, quindi, al gran simpaticone che ha imbucato nella mia cassetta postale questo bel giornaletto di partito (PD-L). Avevo pensato di abbonarmi al "quotidiano" ma, oggi ho definitivamente cambiato idea.
Segnala all'amministratore
 
 
#14 danielepasquale5@gmail.com 2009-12-20 01:00
Stasera, 19.12.'09, qui a Conversano é stato celebrato uno dei tanti matrimoni. Probabilmente era un matrimonio civile. Fin qui, dunque, nulla di sconvolgente o anomalo.
Nell'aria di sosta per soli residenti del Centro Storico, in Corso adriatico, hanno, però, preso servizio nuovi parcheggiatori temporanei. Erano 4 o 5 baresi veraci ed il loro compito, supportato anche dall'autorevolezza di una strana divisa e di cartellini identificativi, serviva a convincere i residenti a trovare un altro parcheggio. Infatti, l'area di sosta, grazie al loro spiccio e garbato intervento, era stata occupata dalle auto degli sposi e dei loro invitati.
Non voglio colpevolizzare l'amministrazione. Chi ha avuto occasione di leggere qualche mio intervento, sa bene quanto essa mi stia nel c...uore.
Ma vorrei capire chi ha autorizzato un simile abuso e perchè, nonostante le svariate proteste, nessuno sia intervenuto. C'era qualche altra riunione di maggioranza?
Segnala all'amministratore
 
 
#12 danielepasquale5@gmail.com 2009-12-18 00:53
E' GIUNTA L'ORA DELL'AMORE
PDL-PD, dopo tante scaramucce amorose, convoleranno finalmente a sospirate nozze.
Il PD, naturalmente, é un pò imbronciato poiché il futuro marito, da vero macho, vuole decidere senza interferenze. "E'l'uomo che porta i pantaloni!!" L'amore, ad ogni modo, trionferà ...
La cerimonia dunque verrà officiata dall'ecumenico Casini.
Lo sposo, visibilmente ammaccato o sfigurato, all'ombra del Duomo, farà comunque la sua figura. Il velo della sposa, ahimè gia ripetutamente deflorata, sarà accompagnato dal paggetto dispettoso Fini. Imponenti le misure d'ordine che saranno coordinate dalla turbolenta coppia di sbirri leghisti Feltri - Belpietro. Compito gravoso dei mastini della destra reazionaria e secessionista é quello di tenere alla larga gli immancabili guastafeste di turno. Sorvegliati speciali saranno quindi Napolitano, la Bindi e Di Pietro, Santoro e Travaglio, ....
Ai numerosi astanti verranno opportunamente distribuiti sacchetti di carta per contenere gli immancabili conati di vomito.
Segnala all'amministratore
 
 
#11 danielepasquale5@gmail.com 2009-12-11 01:07
C'é chi, innocentemente e per spirito d'amicizia, si infila in un grosso guaio, chi per puro gusto estetico sceglie una disinvolta e semisconosciuta futura pianista parlamentare, e c'é purtroppo chi finge di ignorare il dato di fatto lampante che la vera dittatura in cui siamo piombati é quella dell'indecenza. Se un premier si permette, di fronte ad una platea internazionale, di sputtanare le istituzioni del proprio paese accusando le stesse( al pari di un futuro golpista della repubblica delle banane) di essere prezzolate dall'opposizione, be, allora qualche anima innocente si potrà consentire anche una telefonatina di troppo. Comunque, a proposito di banane e governo berlusconi, a me sembra che ... siamo arrivati alla frutta. Potremmo fare a meno del dessert?
Segnala all'amministratore
 
 
#10 L4c4p4g1r4 2009-12-10 17:27
da bari.repubblica.it
Campus e clan, la Savino telefonò: "Interverrà il ministro"
Citazione:
Il progetto del nuovo Centro universitario barese, al centro degli appetiti di mafiosi e imprenditori baresi e firmato dalla Uniedil srl, a giugno 2008 era pronto per essere presentato in conferenza di servizi, al Comune di Valenzano. Ma, in realtà, aveva già convinto molte persone. Pochi giorni prima dell´appuntamento convocato dal sindaco Tangorra, le microspie dei finanzieri del Gico registrano infatti l´ennesima telefonata fra l´onorevole del Pdl, la pugliese Elvira Savino (indagata nella maxinchiesta per riciclaggio) e Michele Labellarte, faccendiere del clan Parisi e deus ex machina del progetto, nel quale aveva investito i soldi della mafia.

La giovane deputata rassicura l´amico sul fatto che l´idea fosse già stata sottoposta al ministro dell´Istruzione Mariastella Gelmini e che ne aveva riscosso l´interesse. Lo invita quindi a procedere con la Conferenza di servizi, perché a breve sarebbe stato inviato il fax ufficiale dal ministero. Così è. Il documento a firma del ministro arriva al sindaco di Valenzano, Nicola Tangorra e, per una singolare coincidenza, proprio lo stesso giorno della Conferenza.
Segnala all'amministratore
 
 
#9 L4c4p4g1r4 2009-12-08 18:25
da bari.repubblica.it

Citazione:
Il campus del cassiere dei clan c'è anche un fax del ministro
"Ritengo essenziale porre rimedio alla cronica carenza di alloggi che affligge gli studenti". Con queste parole Mariastella Gelmini, approvò la realizzazione del Centro universitario integrato a Valenzano. Il fax fu inviato al sindaco di Valenzano Nicola Tangorra, il 24 giugno 2008 e finito agli atti dell'inchiesta che una settimana fa ha portato a 83 arresti.. Sisto si difende col gip: "Rivendico il mio diritto di fare l'avvocato"
Segnala all'amministratore
 
 
#8 L4c4p4g1r4 2009-11-15 19:34
Esatto. In sintesi: ci pisciano in testa e ci dicono che piove.

Le priorità di questo governo di utilizzatori finali e nominati (non eletti sono solo 3:
1. evitare la sacrosanta condanna al presidente presunto corruttore di avvocati inglesi (tanto ormai è un vecchio patetico, non credo lo rinchiudano più)
2. fare gli interessi della Lega che dà la maggioranza al nord (e quindi ad esempio favorire quelle università)
3. fare gli interessi di chi ricicla, evade e si avvale dei condoni degli ultimi 15 anni, scudi fiscali compresi, lodi, leggi e leggine ad hoc e, tra questi, gli amici degli amici che ti fanno scattare la maggioranza assoluta in Sicilia

Poi se dovesse scappare qualche bel disastro naturale per far fare soldi ai protettori civili ed alle stesse imprese (private) che han costruito gli ospedali che crollano è tutto grasso che cola.
E vai con opere tanto faraoniche quanto inutili spacciate per mix pubblico-privato (come la TAV che paghiamo tutti, altro che privati) tagliando investimenti davvero produttivi come banda larga e ricerca ed innovazione.

Tutto il resto sono riforme a costo zero, ossia controriforme. Se si va a leggere si troverà che il tutto deve avvenire senza alcun aggravio per le casse dello stato.
Così ero bravo anche io: basta farsi scrivere la legge dallo studio di un commercialista di Sondrio esperto in finanza di carta.
Segnala all'amministratore
 
 
#7 Ale Lomele 2009-11-15 15:35
La riforma è un bel ceffone al mondo dello studio, della scuola, dell'università.
Immaginiamo la scuola pubblica a concorrere inutilmente con quella privata. Imaginiamo i rubinetti statali chiusi per le università in debito come se la cultura fosse un azienda, salvo poi vedere Catania dell'amico-salvavita Scapagnini ricoperta di regali natalizi. Immaginiamo un luogo precedentemente deputato alla discussione, alla passione idealista, intriso di idee a confonto di giovani cervelli sognatori sottratto di quei luoghi e di quelle forme di rappresentanza che in epoche ormai rimpiante producevano Italie diverse, nuove.
La scuola così come l'università vanno riformate, ma non così, non producendo studenti di serie A e di serie B,non privatizzando la cultura, non depotenziando le madri del nostro tessuto sociale. Giacomo Giotta, così come me o come tanti altri non potrà più avere le stesse possibilità di qualche altro studente, magari nato con la camicia. Di quelli che fanno gli studenti fuori sede perchè riescono a pagare tasse molto più alte e hanno il 50% della probabiltà in più di trovare lavoro subito.
è bene che tutti gli studenti si sveglino...per non restare a dormire.
Segnala all'amministratore
 
 
#6 L4c4p4g1r4 2009-11-15 13:21
[cont.]

Quanto all'Università, anche qui si è assistito alla progressiva liceizzazione (parlo con cognizione di causa) che sta minando il suo ruolo di massimo istituto d'istruzione superiore. Quanto poi al resto della mission, ossia quello di produrre ricerca, i famosi baroni di cui ci si riempie la bocca, stanno là proprio perché poggiano sul lavoro di una pletora di precari ossia dottorandi, assegnisti, contrattisti, post-doc ed ora grazie a Mariastella G. anche ricercatori a termine. E di conseguenza lei cosa fa? Si riempie la bocca di meritocrazia a chiacchiere e scrive impone per legge che il concorso dei ricercatori dev'essere governato dai soli prof. ordinari (così, per ricattarti meglio).

Collegamento con il tessuto lavorativo? Benissimo, lorsignori ti sfornano una legge, graditissima alla Lega ed al suo elettorato, che lega (scusate il bisticcio) il finanziamento ordinario dell'università al numero di persone che s'impiegano dopo la laurea. Chissà dov'è la maggior parte delle aree industrializzate in Italia....
Toccherà tornare agli anni '60-'70 ed emigrare in massa.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 L4c4p4g1r4 2009-11-15 13:20
Bene, all'analisi del signorino, evidentemente indottrinatosi alla scuola di mattina5, domenica5, verissimo e degli altri house-organs che dettano la linea nella sua parte politica, contrappongo alcune considerazioni altrettanto partigiane ma almeno un po' più "informate" e meno a pappagallesche.

I docenti di scuola media descritti dal nostro sono forse quelli di ruolo, perché i precari, in constante aumento a causa del modello economico affermatosi sin dagli anni 80, fanno tutt'altra vita, taglieggiati dagli istituti pubblici e privati, senza ferie pagate perché chiamati sempre (consapevolmente) in corso d'opera, ricattati con i punteggi che sostituiscono la paga ecc.
Ad ogni buon conto, fare i docenti nella scuola attuale è letteralmente da ricovero. La scuola è in balia dei gggiovani spalleggiati da quei sindacalisti mancati dei genitori che arrivano ad appellarsi al TAR per una quisquilia, se non vengono a pigliarti a botte insieme ai figli. Si leggano le statistiche del ministero sui casi di danni psicologici causati dall'insegnamento e ne riparliamo

Per quanto riguarda i bidelli mi limito a ricordare come le esternalizzazioni, quindi il ricorso ai privati, sia una grossa causa di sperpero come mostrato chiaramente nelle inchieste su scuola e sanità di report, ad esempio.
Vogliamo trovare altre risorse. Cominciamo a riprenderci i soldi regalai alle scuole private, 3 anni in 1, classiste, basta avere i soldi, e confessionali il cui finanziamento, palesemente al di fuori della nostra costituzione, favorisce chi ha il conflitto di interessi (CEPU e Grandi Scuole) nonché la cupola mafioide vaticana.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 danielepasquale5@gmail.com 2009-11-15 12:53
Caro signor Giotta, é vero, quello che ho descritto sembra uno scenario apocalittico. Purtroppo é la mera realtà. Non ho bisogno di farmi "un giro nella squola" poiché ci passo 7 ore e dodici minuti al giorno. Tu parli dei Baroni nell'Università ed io non posso non essere d'accordo con te sulla necessità di porre un freno al loro strapotere. Io invece volevo sottolineare specialmente la necessità di ripristinare i finanziamenti alle scuola. La situazione che ho descritto riguarda tante istituzioni. Il personale ATA non ha solo il compito di vigilare ma, avendo a disposizione i detersivi, di pulire velocemente ed a fondo. In alcune realtà ci sono ancora le cooperative di pulizia ma, viste le nuove disposizioni, i loro contratti non verranno più rinnovati. Certo, in generale, il dipendente pubblico, ora divenuto il caprio espiatorio di tutti i mali d'italia, in passato, non avendo avuto il giusto freno del controllo ed ha in troppi casi tenuto comportamenti non corretti verso la pubblica amministrazione. Ma, se la legge permette al medico, persino nelle strutture pubbliche, il doppio lavoro( consentendo allo studio privato di divenire l'obbligato passaggio per ricevere un ricovero in ospedale), come si può condannare il professore italiano, sottopagato e poco considerato che si arrabatta con il doposcuola? Certo meglio sarebbe trovare il giusto escamotage per fargli pagare le tasse su questi introiti aggiuntivi!
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Sabrina 2009-11-14 22:29
Ciao Pasquale, complimenti per il tuo documento sintetico di denuncia sociale. Hai fotografato in maniera esaustiva ed efficacie quelli che sono i reali problemi della scuola, e, soprattutto, lo scopo malcelato di questo Governo: portare il privato nel pubblico, con le sue regole speculari e restrittive, forse addirittura abolire il pubblico in favore del privato, annientando definitivamente quelli che sono gli obiettivi che solo il servizio pubblico può perseguire, in favore di una prosperita' economica che e' soltanto un miraggio... Ciao, sabrina:-):-)
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Giacomo Giotta 2009-11-14 20:32
sig. Daniele ma di quale film drammatico sta parlando???Mi sa che è da un pò che non si fa un giro nella "squola".I professori "lavorano" 24 ore settimanali(un operaio normale ne fa quasi il doppio),2 mesi all'anno di ferie(un operaio normale ne fa meno della metà).Le pulizie delle classi è sempre affidata ad imprese di pulizie esterne,quindi il personale ata(bidelli) ha solamente il compito di mantenere l'ordine nei corridoi(come se il professore fosse tutelato qual ora allo studente succedesse qualcosa fuori la Sua classe).L' Università è piena di Baroni e di sperperi.L'unica cosa di cui si potrebbe discutere,sicuramente,è per i fondi sempre minori alla Ricerca.Ricerca sempre con meno soldi,sempre più in basso nelle graduatorie europee,sempre vittima di questa Università sciagurata.Basta con gli sprechi,vogliamo una Scuola a portata degli studenti e non dei "professori".Vogliamo una scuola congrua con le offerte di lavoro e non con le "esigenze" dei professori.per concludere,i Miei avevano tutti un altro lavoro come mai sign. Daniele??? :sad:
Segnala all'amministratore
 
 
#1 L4c4p4g1r4 2009-11-14 12:57
Non credo alla teoria che ci sia un vero disegno sotto
e sicuramente non ad opera della ministra
(potrebbe competere col figlio di Bossi, il pluri-respinto meritocraticamente stipendiato dalla fiera di MI a 12mila euro al mese quanto ad insipienza)
E' noto che le leggi a firma Gelmini hanno poco di riformatorio
e sono dettate dallo studio Tremonti, il quale non a caso non perde occasione di elogiare la meglio passacarte del bigoncio.
Questi hanno un disperato bisogno di soldi per supportare la marea di annunci che han fatto (il governo del fare, una minch1a benemerita) e rubacchiano a destra ed a sinistra e si genuflettono anche ai grandi evasori e riciclatori pur di spillare qualche spicciolo.
Di ieri la notizia dell'imboscamento di fondi già stanziati per la stabilizzazione dei precari dell'università.

Citazione:
Gelmini: "Il crocifisso rappresenta l’Italia". Pensandoci bene, non le si puo' dare torto.

da www.spinoza.it/
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI