Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

LA FRUTTATTIVA C5 NON VINCE MA CONVINCE

fruttattiva

La miglior partita della stagione, fino ad ora, condizionata dagli episodi e dalle dubbie decisioni della coppia arbitrale. La Fruttattiva C5 incassa, sul campo del Centro Sportivo Avis, la quarta sconfitta in altrettante partite, ma torna a casa a testa altissima al termine di una prestazione sopra le righe. Gli arancio verdi entrano sul terreno di gioco molto determinati e vogliosi di mettere fine alla serie negativa. Sin dalle prime battute sul volto di Andrea Rotondo e compagni è visibile la concentrazione di chi non vuole mancare l’appuntamento con la prima vittoria in stagione. Al 7’ il primo episodio chiave della partita. Mario Domestico ruba palla a Strapazzon a centrocampo e tenta di involarsi verso la porta avversaria, ma viene fermato dal brasiliano che ferma nettamente il pallone con le mani, impedendo al laterale conversanese di avanzare.

Luigi_Guglielmi

A norma di regolamento, essendo l’ex Potenza ultimo uomo, ci sarebbe fallo per la Fruttattiva e il cartellino rosso per Strapazzon. I direttori di gara romani, Pietro Coluzzi ed Elisabetta Cinque, invece, non ravvisano nessuna irregolarità e fanno incredibilmente proseguire l’azione. Qualche minuti più tardi è ancora la coppia arbitrale a salire in cattedra. Andrea Rotondo da posizione decentrata salta un avversario e appena dentro l’area viene colpito con un calcione da un difensore lucano. Il bomber conversanese va giù ma, nonostante il colpo subito produca un suono udibile in tutto il Pala Ercole, gli arbitri fanno cenno di continuare. Siamo ancora sullo 0-0, infine, quando Boschiggia, l’estremo difensore del Centro Sportivo Avis, colpisce il pallone fuori dall’area di rigore e, ancora una volta, i direttori di gara fanno correre. Poco dopo i padroni di casa vanno in vantaggio con Strapazzon, lo stesso brasiliano che avrebbe dovuto essere espulso qualche istante prima, sugli sviluppi di una punizione molto contestata. Il calcio piazzato che porta al gol dell’1-0 nasce da un contropiede di Andrea Rotondo fermato ai limiti dell’irregolarità. Anche in questo caso il fischio dell’arbitro non arriva, anzi appena tre secondi dopo sono i padroni di casa a beneficiare di un calcio di punizione, ugualmente dubbio, dal quale scaturisce la rete di Strapazzon. Per gli arancio verdi conversanesi è un colpo duro da digerire e qualche minuto più tardi subiscono il gol del 2-0 in mischia. A riportare in carreggiata al Fruttattiva C5 ci pensa Luigi Guglielmi che deposita in fondo al sacco il pallone del 2-1 al termine di una manovra ben congeniata sull’asse Rotondo Lomele.

 

Nella ripresa il Centro Sportivo Avis parte subito all’attacco trovando la rete del 3-1. La reazione degli ospiti è veemente. Gli aiacini cominciano a macinare gioco e mettere in seria difficoltà la difesa di casa. La migliore occasione da gol per dimezzare lo svantaggio capita sui piedi di capitan Rotondo il quale però dopo aver dribblato anche il portiere avversario manda incredibilmente a lato. E così, come nella più crudele legge del calcio, dal gol sbagliato al gol subito il passo è breve. Passano pochi secondi, infatti, e il lucani trovano la rete del 4-1 su un tiro da fuori area che sbatte sul tacco di Guglielmi prima di finire in rete. Ma è lo stesso numero 7 conversanese cinque minuti più tardi a realizzare, con un destro che si insacca sotto l’incrocio dei pali, il gol del 4-2, approfittando della momentanea inferiorità numerica degli avversari dovuta all’espulsione di un difensore locale. Nel finale la palla buona per avvicinarsi ulteriormente ai lucani ce l’ha Tres, ma il suo tiro debole viene parato da Boschiggia che sul rinvio, sfrutta lo schieramento a trazione anteriore degli aiacini, in campo in quel frangente col portiere di movimento, e realizza il gol del definitivo 5-2.

(nella foto mister Luigi Guglielmi)

 

Ufficio Stampa Fruttattiva C5

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI