Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Alla scoperta dei talenti nostrani fuorisede. Anastasia Cicorella

anastasiacicorella

Anastia Cicorella, classe '74, talento nostrano della pallavolo che passa oggi sotto la nostra lente d'ingredimento. Pallavolista sempre e solo per passione. Turi, Putignano, Polignano, Bari e Conversano i paesi per i quali Anastasia ha messo a disposizione le sue schiacciate. Oggi milita nella neonata Volley Castellana, in serie D, dopo due anni trascorsi presso la Young Volley Conversano.

anastasiacicorella1Dalla Young Volley Conversano alla Volley Castellana. Questa scelta da cosa è stata dettata?

"Per una serie molto lunga di motivazioni, non ci sono strutture, non ci sono soldi, non c'è serietà, non c'è partecipazione comunale. Mi è dispiaciuto dover andare via, le ragazze che compongo la Young Volley sono ottime giocatrici, che avrebbero un futuro sportivo anche al di fuori di Conversano. L'unica pecca è l'inesperienza, bisognerebbe integrare queste ragazze, molto giovani, con altre che hanno più campionati alle loro spalle. Si potrebbero fare passi in avanti anche accorpando le due società che gestiscono la pallavolo Conversanese, ovvero la Young Volley ed Eventi Sportivi, collaborando per un progetto comune si potrebbero ottenere ben altri risultati".

Che problematiche hai riscontrato nei due anni vissuti qui a Conversano?

"Prevalentemente legate alle strutture ed ai fondi messi a disposizione della squadra. Il Pala San Giacomo è messo a disposizione della squadra esclusivamente la domenica alle 15.00 per svolgere la partita, gli allenamenti si tengono invece presso la palestra del Liceo Scientifico. C'è anche la questione legata al Palazzetto Pineta, sarebbe un'ottima struttura, fruibile anche per la pallavolo, ma senza lavori di ristrutturazione non é utilizzabile per la pallavolo in quanto la superficie di gioco è malridotta. Altro problema erano appunto i fondi messi a disposizione della squadra per l'acquisto di materiale tecnico, del tutto assenti.

Quest'anno arriva dunque il passaggio alla Volley Castellana.

L'esperienza sportiva più bella della mia vita. Nonostante a 20 anni abbia avuto la possibilità di giocare in serie B2 col Putignano, questa esperienza in serie D a Castellana ha un valore aggiunto. Stiamo giocando un ottimo campionato e a tre giornate dalla fine siamo prime in classifica e puntiamo al passaggio in serie C. L'ambiente qui a Castellana è il massimo, siamo seguitissime, abbiamo uno staff tecnico, uno staff medico, una palestra pesi, un osteopata, una fisioterapista, tutte cose necessarie ai fini del gioco e che a Conversano mancavano e mancano tutt'ora. Inoltre il pubblico ci supporta in maniera esemplare. Essendo la nostra squadra l'unica compagine femminile oggi presente a Castellana, dopo il fallimento della Florens, abbiamo un nutrito pubblico sempre presente nelle nostre partite casalinghe.

Hai mai pensato di fare della pallavolo il tuo mestiere?

No, non ho mai pensato alla pallavolo in ottica lavorativa. E' sempre stata la passione e la voglia di giocare ciò che m'ha tenuta legata a questo sport. Ponendo però per assurdo che possa vivere un esperienza lavorativa nel mondo della pallavolo mi piacerebbe svolgere le mansioni di un direttore sportivo e farei di tutto per essere d'aiuto allo spogliatoio, alle ragazze.

Commenti 

 
#2 angela amodio 2012-03-11 12:34
solo la passione e l'esperienza ti hanno dato le motivazioni giuste per parlare cosi. sono sicura che potrai dare molto ancora...
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Miriam Magistà 2012-03-08 13:22
Grande Anastasia (come sempre) ma purtroppo devo contraddirla per varie cose. Mi dispiace aver letto un articolo che parla pochissimo della sua "bellissima" esperienza nel Castellana e tantissimo della nostra società e di questo sport nel nostro paese che al contrario di ciò che lei fa emergere dall' articolo, ha raggiunto in pochissimo tempo e grazie sia alla competenza del Mister Maurizio Orsini, sia alla disponibilità della Young Volley, sia alla passione della sottoscritta che l'ha portata a sostenere il campionato di serie D (mai fatto prima a Conversano)atleticamente ed economicamente, il suo unico OBIETTIVO: quello di far EMERGERE in CONVERSANO la competenza, la passione e la volontà di confrontarsi, di GIOVANI ragazze come Annacarla Pace, Maira Di Vagno, Nataly Renna, Mariangela Sibilia, Stefania Pesole e altre molto più piccole soltanto per l'amore della POALLAVOLO lasciando i primi posti in classifica OVVIAMENTE a mercenarie PAGATE per acquisire quello che di DOVERE è il loro posto. In quanto alla fusione con altre società sportive, sicuramente ci sono idee in forno tra la YOUNG VOLLEY, il Mister Maurizio Orsini e la sottoscritta Miriam Magistà ma che non prevedono vecchi IMPASTI. Era mio dovere rispondere a questo articolo in tali termini perchè al contrario di quel che si è fatto trasparire, io posso solo RINGRAZIARE questo comune, le persone che ci aiutano e tutti i componenti della società per quel che la PALLAVOLO finalmente sta diventando a CONVERSANO, ossia uno sport che unisce e fa CRESCERE GIOVANI TALENTI.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI