Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

Alfonso Vigna al Milan per un giorno

Alfonso-con-Kingsley-Boateng

Il giovanissimo turese è stato selezionato dal club rossonero per uno stage a Milano

Quanti bambini sognano di diventare un campione come Messi, Cristiano Ronaldo o Ibrahimovic? La passione per il calcio accomuna tanti ragazzi di tutto il mondo. La stessa passione che vive ogni giorno Alfonso Vigna, un ragazzo di 7 anni di Turi, che si allena nella Kids Club Scuola Calcio Milan Conversano.

Alfonso, a cui piace segnare tanti gol, ha avuto l’opportunità lo scorso sabato 3 marzo di partecipare ad uno stage organizzato dal Milan presso il centro sportivo Vismara a Milano dove si allena il settore giovanile del club rossonero. Il ragazzo è stato preferito tra tanti altri calciatori non a caso. Ogni scuola calcio Milan ha un database aggiornatissimo sui propri giocatori. In questo modo il Milan ha costantemente sotto controllo le prestazioni dei suoi giocatori ed in alcune occasioni organizza questi stage dove vengono chiamati i più meritevoli per permettere ai giovani calciatori di misurarsi in un ambiente professionale.

Un’esperienza unica ed irripetibile per il giovane calciatore turese che è stato scelto per far parte di una selezione di dieci giocatori provenienti da tutta la penisola. Lo stage prevedeva allenamenti specifici basati sul dribbling, sul possesso palla e sul tiro per poi concludersi con una partitella finale. La selezione con in campo Alfonso ha affrontato nella partitella i pari età del Milan. Per la cronaca la partita è stata vinta dalla selezione per 5-3 con un gol proprio del nostro Alfonso.

Finito l’intenso allenamento, il piccolo Alfonso accompagnato dal padre Gino e dal suo allenatore Lacandela, ha incontrato il responsabile del settore giovanile del Milan nonché bandiera del club rossonero Filippo Galli. Nel pomeriggio c’è stato il tempo di vedere il derby al Vismara tra le Primavera di Milan ed Inter. 

Il padre Gino ci ha confidato che, nonostante il talento di Alfonso, la priorità rimane la scuola perché il calcio è un gioco, uno sport che aiuta a crescere. In ogni caso l’esperienza di aver giocato per un giorno in uno dei centri sportivi più importanti d’Europa, dove sono cresciuti tanti calciatori di livello internazionale, va coltivata con l’augurio di vederlo un giorno tra le fila rossonere.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI