Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Eventi Sportivi: "L'allenamento a tavola"

eventi-sportivi-alimentazione

Si è svolto nella sala convegni del Castello un incontro organizzato da Eventi Sportivi-Scuola calcio Milan col medico nutrizionista Francesco Avaldi, docente dell'area biochimica e nutrizione del Milan Lab, dal titolo "L'allenamento a tavola".

eventi-sportivi-alimentazione-2Il parterre, composto prevalentemente dai giovani calciatori della scuola calcio e dalle loro mamme, é stato molto partecipe. Il dottor Avaldi ha messo in luce vari aspetti che legano inscindibilmente lo sport e l'alimentazione partendo però da un quesito. "Cosa vuol dire allenarsi ?". Allenarsi in fin dei conti vuol dire essere in grado di sostenere gli allenamenti senza poi doversi trovare nelle condizioni di eccessivo affaticamento, per non parlare di ritrovarsi ad aver a che fare con veri e propri dolori muscolari.

Stando ai dati riportati dall'esperto un atleta di mestiere dovrebbe essere in grado di sostenere allenamenti della durata di due ore senza risentirne eccessivamente come detto in precedenza.

Successivamente il dottor Avaldi é passato ad analizzare gli aspetti causa della fatica. Importanza assoluta é legata alla disponibilità di energia, ovvero nel caso in cui risulti insufficiente si deve guardare a ciò che l'atleta ha assunto pre attività fisica, quindi ad un eventuale insufficienza di carboidrati, proteine e sali minerali.

eventi-sportivi-alimentazione-3Altro aspetto a cui un atleta dovrebbe prestare molta attenzione e il suo grado di idratazione. Durante l'attività fisica a causa della sudorazione si perdono moltissimi sali minerali (tra i più importanti sodio, potassio, magnesio e calcio). Se ci si ritrova in carenza di questi i rischi che si corrono sono crampi o ancor peggio infortuni muscolari. Per reintegrali in assoluto l'acqua é la via migliore. Su questo punto s'è aperto un vero e proprio dibattito tra i ragazzi ed il dottor Avaldi, l'oggetto del contendere é stata la tanto amata dai ragazzi Coca Cola, la quale come ha spiegato benissimo l'esperto non va assunta pre o post attività fisica a causa delle sostanze acide che la compongo.

Molte altre sono state le domande legate soprattutto alle tempistiche dell'alimentazione di uno sportivo. Quanto tempo prima si deve pranzare se ho un match alle ore 15.00 ? A che ora devo svegliarmi e fare colazione se ho una partita alle 9.00 ? Devo fare una cena diversa da solito nel caso giochi alle 9 ? E via discorrendo passando anche per quali alimenti mangiare pre e post attività fisica.

L'incontro é stato senza dubbio illuminante per i ragazzi, date la loro partecipazione attiva, come anche per i genitori che avran capito che uno sportivo non si alimenta a suon di merendine e Coca Cola.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI