Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Pallamano, U20 pronta per le finali scudetto

pallamano under 20 squadra

Ultimo giorno di lavoro per la formazione Under20 della PlanetWin365 Conversano prima della partenza per Oderzo, dove dal 31 maggio al 3 giugno si disputeranno le finali scudetto di categoria.

In casa bianco verde l’entusiasmo è alle stelle dopo settimane di fatica e allenamenti predisposti da mister Pasquale Realmonte per preparare al meglio la squadra in vista dell’atteso appuntamento. Un appuntamento che per i giovani pallamanisti conversanesi partirà ufficialmente questa sera con la partenza in pullman e con l’arrivo nella cittadina trevigiana previsto per domani mattina. L’esordio nel torneo, invece, è in programma venerdì mattina contro il Camerano, mentre nel pomeriggio i biancoverdì affronteranno il Capua. La fase a gironi si concluderà sabato mattina con la sfida ai padroni di casa dell’Oderzo.

A due giorni dall’inizio della competizione mister Pasquale Realmonte ha espresso le proprie sensazione, facendo un bilancio sul potenziale della sua squadra: "Se guardo indietro e vedo la strada che abbiamo percorso – dichiara Realmonte – non posso che essere molto soddisfatto. C'era un intero settore giovanile da ristrutturare e, grazie alla collaborazione con l'Amatori Handball e all'impegno della prof.ssa Enza Fanelli e di mister Domenico Iaia, abbiamo riavviato il CAS facendo avvicinare alla pallamano oltre 60 bambini delle scuole elementari. L'impegno di mio fratello Nicola, coadiuvato dallo storico Louis Galizia, ci ha permesso di ben figurare nelle categorie under 14 e under 16. I dirigenti, poi, sono stati fantastici e molto vicini a tutto il nostro movimento molto difficile da gestire. L'under 20 è stata la ciliegina sulla torta che non ci aspettavamo".

"I ragazzi – prosegue il tecnico – andavano instradati a livello tecnico, fisico e mentale. Non c'era nessuno che avesse puntato un quattrino su di loro ed invece sono stati testardi, caparbi ed a volte commoventi nel continuare a credere in un sogno chiamato 'finali nazionali'. Chiaramente questo gruppo deve lavorare ancora molto e lo farà perché nessuno di questi ragazzi è al limite d'età, anzi molti di loro resteranno in questa categoria ancora tre anni . Di giovani interessanti ce ne sono eccome da Sperti, che tutti ammiriamo giocare in Elitè, ai vari Morandeira, Colasuonno, e Di Maggio, che invece hanno giocato pochi scampoli nella massima serie. Io, però, non dimenticherei tutti gli altri poco citati ma che hanno un enorme potenziale e bisognerà puntare su di loro per gli anni a venire. Certo, tutti devono dare di più se vogliono affermarsi ai massimi livelli e queste finali daranno loro una grossa mano nel prendere maggiore fiducia in se stessi e quindi puntare qualcosina in più nello sport senza dimenticare la scuola e la famiglia. Concludo dicendo che abbiamo voluto troppo queste finali ed anche se nn partiamo con i favori del pronostico non ci tireremo indietro davanti a nessuno e poi alla fine vinca chi più avrà meritato (visto quello che sta accadendo nel mondo del calcio). Lo sport è bello perché è costellato da tante storie bellissime prima sognate e poi realizzate. Bene – conclude mister Realmonte – noi possiamo scriverne una che varrà la pena di ricordare nel tempo".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI